Sesto San Giovanni nega la cittadinanza onoraria per Liliana Segre, blitz sul sito del sindaco: si prendono il dominio e piazzano la foto della senatrice

Dopo il voto contrario della giunta comunale, il dominio del sito del sindaco del comune nel milanese è stato acquistato da ignoti che hanno pubblicato la foto della senatrice a vita

Nota per i lettori: l’articolo è stato corretto dopo ulteriori approfondimenti.

Anche Sesto San Giovanni, nel Milanese – città medaglia d’oro al valore militare per il sacrificio durante la Liberazione – si è aggiunta alla lista delle città che hanno detto no al conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre.

La proposta, avanzata dal consigliere del M5s Vincenzo di Cristo e condivisa dal Partito Democratico, è stata però bocciata dalla maggioranza in consiglio comunale. Tra i voti contrari anche quello del sindaco Roberto Di Stefano. 

In un primo momento l’azione sul sito del sindaco di Sesto San Giovanni, eletto in quota Forza Italia, appariva come un hackeraggio in protesta con il rifiuto della cittadinanza onoraria a Liliana Segre. Sull’homepage campeggia infatti la foto della senatrice a vita, superstite dell’Olocausto e testimone della Shoah.

L’homepage hackerata del sito del sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano

Nel caso specifico, gli autori della protesta hanno in realtà acquisito il dominio usato dal sindaco durante la sua ultima campagna elettorale e rimasto poi libero.

L’acquisto del dominio del del sito del sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano

Di Stefano: «La cittadinanza onoraria a Segre è una proposta strumentale e provocatoria»

Il sindaco di Sesto, dopo la bocciatura della proposta della cittadinanza onoraria alla senatrice Segre, aveva dichiarato: «Liliana Segre non ha a che fare con la storia della nostra città e darle la cittadinanza sarebbe svilente per lei perché è una strumentalizzazione politica». 

Di Stefano aveva poi bollato la proposta come «strumentale». «Alla senatrice Segre va la nostra solidarietà per gli insulti ricevuti sul web, ma è inconcepibile che sia usata dall’opposizione per strumentalizzazioni politiche», spiegava Di Stefano. 

«Una proposta di questo genere – ha proseguito – non può essere lanciata sul tavolo di discussione per motivi politico-emozionali, come provocazione, sminuendo il ruolo di Liliana Segre e svilendo il concetto di cittadinanza onoraria».

Leggi anche: