Bomba dall’Eurogruppo. Il presidente Centeno: «Non c’è motivo di modificare il testo della riforma del Mes»

Inizia in salita per l’Italia la riunione dei ministri dell’Economia dell’Ue

Dall’Eurogruppo in corso a Bruxelles arrivano i primi aggiornamenti sulla riforma del meccanismo europeo di stabilità. Alla vigilia della riunione, il presidente Mario Centeno annuncia la firma della nuova versione del trattato «all’inizio del prossimo anno». E aggiunge: «Non vediamo ragione per cambiare testo. L’accordo politico è già stato raggiunto mentre i Paesi stanno ora lavorando solo su alcune tecnicalità».

Una posizione che sembra dunque chiudere alle richieste arrivate dall’Italia, e in particolare dal Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio aveva infatti detto di sperare in un rinvio dell’approvazione della riforma del Mes. Ipotesi a cui aveva aperto anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in un colloquio con il Corriere della Sera, che poi da Londra ha aggiunto: «Quando il Mes sarà firmato decideranno i responsabili politici dei singoli Paesi, ci sono tempi e modi che decideremo in seguito».

Leggi anche: