Omicidio Sacchi, il mediatore di Del Grosso accusa Anastasia: aumentano i dubbi sulla versione della ragazza

Simone Piromalli smentisce la versione della ragazza: secondo lui Anastasia ha avuto un ruolo centrale nella trattativa

Anastasia sapeva oppure no che nel suo zaino ci fossero 70mila euro? Dopo l’interrogatorio della giovane, questa nuova domanda si è aggiunta ai dubbi che sono chiamati a chiarire gli inquirenti.

Lei si è detta estranea, sarebbe stato l’amico di Luca, Giovanni Princi, a metterle una busta nello zaino con dei soldi, di cui lei non conosceva il fine né l’importo. Almeno questa è la sua versione dei fatti che ha intenzione di portare anche davanti al tribunale del Riesame. Ma i giudici crederanno a questa versione?

A smentirla uno dei mediatori del gruppo di Del Grosso, Simone Piromalli, ritenuto dalla procura «il più sincero con ogni evidenza». Piromalli è arrivato davanti al pub John Cabot la sera della morte di Luca insieme a Rispoli, prima di Del Grosso e Pirino, in carcere per l’omicidio. I due dovevano verificare per conto di Valerio Del Grosso che il gruppo di Giovanni Princi avesse i soldi per la trattativa.

Piromalli afferma di non essersi avvicinato direttamente al gruppo, ma di aver osservato l’amico Rispoli controllare il contenuto dello zaino. A mostrarglielo la stessa Anastasia. «Nella circostanza, la ragazza aveva estratto una mazzetta di soldi dalla propria borsetta di colore rosa mostrata a Rispoli», dice. Come riporta l’edizione romana de Il Messaggero.

La versione di Piromalli attribuisce dunque ad Anastasia un ruolo centrale nell’intera vicenda. Nelle ultime ore la testimonianza del giovane mediatore si sta rivelando fondamentale per gli inquirenti per capire gli istanti prima dell’omicidio e il ruolo nella vicenda di un altro ragazzo: Domenico Costanzo Marino Munoz che rischia un’indagine per favoreggiamento.

A quale versione crederanno gli inquirenti? Quella di Anastasia o di Piromalli. Bisogna tenere conto però anche del fatto che l’altro mediatore, Valerio Rispoli, fornisce una versione discordante. Secondo Rispoli, Anastasia non avrebbe mostrato i soldi contenuti nello zaino direttamente, ma avrebbe lasciato lo zaino vicino a una macchina. Poi la borsa era stata recuperata da Princi che «dopo aver prelevato lo zaino della donna, di colore rosa, si era avvicinato a lui e gliene aveva mostrato il contenuto».

Leggi anche: