Giallo in Rai, l’intervista ad Assad non va in onda. Il governo siriano minaccia: «La trasmettiamo noi»

L’ad della Rai Salini: «L’intervista non è stata commissionata dalla Rai». L’Unione Sindacale Giornalisti Rai insorge: «È in gioco l’autorevolezza della Rai e dell’Italia»

Un’aurea di mistero circonda l’intervista realizzata da Monica Maggioni, giornalista e amministratrice delegata di Rai Com, al presidente siriano Bashar al Assad. E da Damasco, il governo siriano lancia un ultimatum alla Rai: se l’intervista non verrà trasmessa entro il 9 dicembre, il medesimo colloquio andrà comunque in onda sulla tv siriana, contravvenendo agli accordi presi in sede di intervista. 

«Il 26 novembre 2019, il presidente al-Assad ha rilasciato un’intervista alla Ceo di Rai, Monica Maggioni. Si è convenuto che l’intervista sarebbe andata in onda il 2 dicembre su Rai News 24 e sui media nazionali siriani», si legge in una nota dell’ufficio stampa della presidenza della Siria pubblicata su Facebook.

«La mattina presto del 2 dicembre – si legge ancora nel comunicato del governo siriano – abbiamo ricevuto una richiesta, per conto di RaiNews24, di ritardare la trasmissione senza una chiara spiegazione. A ciò seguirono altre due richieste di rinvio, senza che fosse fissata una data per l’intervista e senza nessun’altra spiegazione».

E il governo di Damasco lancia una dura accusa nei confronti della Rai e, più in generale, dei media occidentali: «Questo è un ulteriore esempio dei tentativi occidentali di nascondere la verità sulla situazione in Siria e sulle sue conseguenze sull’Europa e nell’arena internazionale».

Salini: «L’intervista non è stata commissionata dalla Rai»

Davanti alle proteste di Damasco, deve intervenire l’Ad della Rai, Fabrizio Salini, che prova a puntualizzare: «L’intervista al presidente siriano Bashar al Assad, realizzata dall’Ad di Rai Com, Monica Maggioni, non è stata effettuata su commissione di alcuna testata Rai. Pertanto non poteva venire concordata a priori una data di messa in onda».

E intanto l’esecutivo Usigrai richiede chiarezza ai vertici di Viale Mazzini: «Chiarito che né Rainews24 né alcuna altra testata della Rai ha commissionato l’intervista al presidente della Siria Assad, né quindi ha preso impegni a trasmetterla, chi ha assunto accordi con la Presidenza della Siria per conto della Rai? E perché?».

«Fermo restando che non si può cedere ad alcun ultimatum da parte di nessuno – si legge ancora nella nota – men che meno da parte del capo dello Stato di un Paese straniero, siamo di fronte a una vicenda imbarazzante. La Rai deve fare chiarezza con urgenza e individuare le responsabilità. Senza alcun tentennamento. Questa volta è in gioco l’autorevolezza della Rai, la credibilità internazionale sua e dell’Italia». 

Le reazioni dei media arabi

Da Al Jazeera ai siti egiziani: lo scontro tra la presidenza siriana e la Rai trova grande spazio nell’informazione araba. «Le critiche di Damasco alla tv italiana per non aver ancora trasmesso l’intervista» al capo di Stato siriano, Bashar al Assad, fatta dall’Ad di Rai Com, Monica Maggioni, hanno innescato un ampio dibattito anche sui social tra le fazioni opposte.

«A causa di un colloquio con al Assad, la presidenza siriana è infuriata con un canale italiano», titola Al Jazeera che cita la Reuters come fonte della notizia. Ovviamente la base è il comunicato pubblicato ieri dalla presidenza di Damasco sulla propria pagina di Facebook.

Tra gli altri, il caso è stato trattato dall’anchorman del canale qatarino, Faisal Al Qassem, sulla propria pagina Twitter (5,5 milioni di follower) e su Facebook (13,5 milioni di fan). L’ArabicPost, erede dell’Huffpost Arab, titola: «Il regime di Assad è arrabbiato con un canale italiano e lo minaccia… aveva rilasciato un’intervista ma non è stata trasmessa».

Nella ricostruzione del fatto, citando il sito All4syria.org, viene data una possibile interpretazione della vicenda: «L’Italia teme che le persone interpretino l’intervista come un riavvicinamento della posizione italiana nei confronti della Siria, specie perché nei giorni scorsi qualcuno aveva dichiarato che Roma è intenzionata a riprendere i rapporti con Damasco». Non è tutto. «Non è escluso che ciò che ha dichiarato Assad nel colloquio non sia in linea con quanto si attendono i politici italiani». 

Sui social il dibattito è tra chi accusa Assad di non avere riconoscimento dall’Europa perché considerato a capo di un regime sanguinario e chi invece accusa l’Europa di non voler dare anche la versione di Damasco della guerra siriana.

La versione araba di Sputnik, il sito russo, è stato uno dei primi a dare la notizia. Ripresa poi dai principali siti di altri Paesi, tra cui l’egiziano Youm7 e il libanese Lebanon24. Così com’è finita sul canale allnews iraniano, Al Alam, e sulla tv irachena Al Sumaria.

Leggi anche: