Valanghe, tre vittime: muore anche una guida alpina in Valle d’Aosta

Valanghe anche in Veneto dove non ci sono state vittime

Sale a tre il bilancio delle vittime per le valanghe che si sono verificate oggi, 15 dicembre. Dopo che una donna è morta travolta da una slavina in Alto Adige e un giovane ha perso la vita in Piemonte mentre sciava con lo snowboard, una guida alpina ha perso la vita in Valle d’Aosta.

La guida alpina di 49 anni, Roberto Ferraris, stava facendo sciapinismo, era parte del Soccorso alpino della guardia di finanza di Cervinia. L’incidente si è verificato nella zona di punta Fontana Fredda, a circa 2.300 metri di quota, sopra la frazione Cheneil.

La donna, di 62 anni, stava effettuando un’escursione a piedi in Alto Adige con le ciaspole assieme ad un’amica che a sua volta è stata travolta dalla valanga di medie dimensioni staccatasi nella zona della stazione a monte dell’impianto di risalita Punta d’Oro-Goldkopf. Riuscita ad emergere, l’amica ha iniziato a scavare a mani nude nella neve cercando di liberare la compagna, ma il tentativo è stato vano.

In Piemonte, un giovane è morto dopo essere stato travolto da una slavina. L’uomo è stato trovato dai soccorritori dopo un’ora di ricerche ed è deceduto in ospedale. In Veneto, dove non ci sono state vittime, due sciatori sono stati travolti mentre facevano dei fuoripista sulla Punta Nera del Sorapis.

Leggi anche: