Honduras, ancora sommosse in carcere: 18 detenuti muoiono in una sparatoria

Il sistema penitenziario del Paese è in uno stato d’emergenza con quasi il triplo dei detenuti rispetto alla sua capienza

Almeno diciotto carcerati sono morti in una sommossa nella prigione di Tela, in Honduras, dopo una sparatoria tra i detenuti di cui non si conosce ancora la causa. Altre 16 persone sono rimaste ferite. Le autorità, che hanno ripreso il controllo del carcere, stanno indagando su come le armi possano essere entrate nell’istituto penitenziario.


Non è la prima volta che un episodio analogo avviene nel sistema carcerario honduregno, dove il governo ha recentemente dichiarato lo Stato di emergenza. Le carceri del Paese sono infatti sovraffollate e circa la metà dei 22mila detenuti (a fronte di una capienza di 8mila) è ancora in attesa di sentenza.

La misura emergenziale del governo ha fatto sì che i civili a capo delle prigioni venissero sostituiti con un corpo speciale composto da membri dell’esercito e della polizia.

In copertina foto di archivio della prigione di Sampedrano, a San Pedro Sula, Honduras, 28 maggio 2013. EPA/STR

Leggi anche: