Juve, le condizioni dello scambio Emre Can-Paredes. Napoli e Inter guardano in Spagna

Tutte le big sono alla ricerca di un centrocampista affidabile. Ecco il borsino

Non solo il ritorno di Ibrabimovic. Gli ultimi giorni del 2019 sono intrisi di calciomercato anche altrove: alta, media e bassa quota. Le due capolista, Juventus e Inter, vogliono suonarsele anche alla voce acquisti per spuntarla e prendersi lo scudo (i bianconeri sono anche accecati dalla voglia matta di mettere finalmente le mani sulla Champions League). Serve un centrocampista a entrambe, e entrambe l’hanno individuato.


Paredes per Emre Can

Il prescelto della Juve, con la benedizione di Maurizio Sarri, è Leandro Paredes del Psg, 25 anni, argentino. Ex Roma. Può fare la mezzala e, soprattutto, il vice-Pjanic, ruolo in cui la Juventus è scoperta. Con il Psg la trattativa è apparecchiata: la Juve offre lo scambio con Emre Can, contropartita tecnica gradita ai transalpini che, però, chiedono un conguaglio di circa 20 milioni di euro.

Si lavora per trovare l’accordo economico, ma la voglia di entrambi i calciatori (soprattutto Emre Can preme per andare via e giocare di più) è benzina utile ad accelerare i negoziati.

https://www.instagram.com/p/B5F_6o9okO1/

Inter e Napoli

Lavora sull’attaccante (Llorente Giroud) e il centrocampista l’Inter di Conte. Con Vidal è stato raggiunto un accordo verbale su un triennale intorno ai 4,5 milioni di euro a stagione fino al 2022, ma c’è ancora distanza col Barcellona. I catalani chiedono ancora 20 milioni di euro. Ne ballano 8 di differenza con l’offerta interista.

Al lavoro per un regista, un po’ come la Juve, c’è il Napoli di Gattuso a cui serve un titolare dai piedi buoni per fare gioco in mediana. Torreira dell’Arsenal è complicato: costa tanto e ha un ingaggio fuori portata. Fari puntati, allora, su Stanislav Lobotka del Celta Vigo. Ha una clausola rescissoria da 50 milioni di euro. Il Napoli ne vuole investire 30 o giù di lì. Gli spagnoli, per ora, non mollano ma il mercato invernale è ancora lunghissimo.

Foto di copertina Ansa

Leggi anche: