Cosenza, prefetta indagata per corruzione: avrebbe intascato una mazzetta di 700 euro

L’indagine è partita dopo la denuncia della stessa imprenditrice che avrebbe pagato la mazzetta

La prefetta di Cosenza, Paola Galeone, di 58 anni, é indagata per corruzione. Lo scrive la Gazzetta del Sud. L’ipotesi accusatoria a carico della prefetta é di avere intascato da un’imprenditrice, che ha denunciato i fatti alla Polizia, una ‘mazzetta’ di 700 euro.

Secondo quanto ricostruisce la Gazzetta del Sud in edicola, Galeone sarebbe stata denunciata dalla vittima: all’imprenditrice la prefetta avrebbe proposto di emettere una fattura fittizia per 1220 euro con l’obiettivo di intascare la parte del fondo di rappresentanza accordato ai singoli prefetti che era rimasta disponibile alla fine dell’anno.

Nel piano, 700 euro sarebbero andati a Paola Galeone e 500 all’imprenditrice per la disponibilità mostrata. Quest’ultima ha denunciato i fatti alla Polizia, con la quale ha concordato luogo, data e ora per la consegna dei soldi al prefetto Galeone, consentendo che il tutto venisse documentato visivamente dal personale della Squadra mobile.

Secondo quanto ricostruito dall’Ansa citando ancora la Gazzetta del Sud, la consegna da parte dell’imprenditrice alla prefetta della città bruzia, Paola Galeone, di una mazzetta di 700 euro sarebbe stata infatti videoripresa dal personale della Squadra mobile di Cosenza. Secondo l’ipotesi accusatoria la consegna della busta contenente il denaro sarebbe avvenuta in un bar di Cosenza.

In copertina Cosenza/Wikipedia

Leggi anche: