Andrea Magnani è un fake? Chi è l’utente che ha minacciato di morte Salvini su Twitter

I profili social creati a settembre 2019, sostenitore dell’esercito e si definisce «vero patriota»

Il 5 gennaio 2020 Matteo Salvini aveva condiviso lo screenshot di un tweet a lui rivolto da un utente che si fa chiamare «Andrea Magnani» (@AndreaM94105688) con il seguente testo:

Spero che il primo vero terrorista ti faccia fuori,così impari a dare aria hai denti,comunque ti aspetto a Cesena ce pronto un 7.57 magnum, fidati che fara centro……coglione,pensaci bene noi non ti vogliamo in casa nostra….

Qualcuno collega l’utente alle Sardine, qualun altro lo definisce fascista o «un troll di Salvini» forse insinuando che sia stato inventato appositamente per creare lo scandalo. Ecco cosa troviamo nei suoi due profili social.

Tweet rimosso, ma ci son dei precedenti

Il tweet non c’è più disponibile, forse rimosso dall’utente. Infatti, dei 64 tweet conteggiati dal social attualmente nell’account ce ne sono 63 ancora online e tutti pubblicati con un cellulare Android. Non è l’unico tweet di minacce, il 5 gennaio 2020 ne aveva scritto un altro: «occhio a dove cammini…….coglione». Salvini, quel giorno, era a Cesenatico.

Creato l’8 settembre 2019, l’account sembra sia stato creato dal suo gestore con il fine unico di attaccare Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

L’account @AndreaM94105688 con il riferimento ai 64 tweet totali pubblicati, ma attualmente sono 63: segno che uno è stato cancellato.

Tra i primi tweet l’utente aveva invitato Matteo Salvini a impiccarsi, più di una volta:

Stronzo fatti un favore inpiccati [tweet del 10 settembre 2019]

Impiccati merda… [tweet del 19 novembre 2019]

Sostenitore del Governo e di Conte

In un tweet dell’otto settembre 2019, giorno della creazione dell’account, aveva definito lui e la Lega «traditori». Era una risposta al tweet dell’account ufficiale della Lega dove il partito e Salvini accusavano il M5S di aver tradito il diritto di voto degli italiani:

Non è la prima e l’ultima volta che definisce Salvini «traditore», ma tale definizione non è riferita solo a lui. Traditori e «corrotti», secondo l’utente, anche i 3 parlamentari del Movimento 5 Stelle che hanno cambiato casacca a favore della Lega a dicembre 2019:

In un tweet del 14 dicembre 2019 commenta la foto di Andrea Scanzi e Giuseppe Conte così:

Conte sei l’uomo che conta!!!!!!!

I tweet dell’utente

In un tweet del 28 ottobre 2019 l’utente @AndreaM94105688 si scaglia contro Salvini parlando in plurale:

Brutto stronzo, ricordati, quanto sei sporco, noi veri patrioti non confidiamo mai la cioccolata con la merda, vergognatevi….

In un altro tweet l’utente definisce Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia «falsi neri» in risposta al tweet sulla strage di Piazza Fontana:

Siete stati voi falsi neri, e hai il coraggio di parlare, vergognatevi barbari…..

L’utente «ardito» contro Giorgia Meloni

Non solo contro Matteo Salvini, anche Giorgia Meloni è stata insultata dall’utente @AndreaM94105688 definendola «povera cerebrolesa» (in altri la definisce «zoccola»):

Nell’immagine condivisa dall’utente con la scritta «Che i migliori si tengano sempre pronti» è presente la foto del reparto degli Arditi:

Che l’utente @AndreaM94105688 si presenti come fan dell’esercito italiano è innegabile:

L’account Instagram

In un tweet dell’otto dicembre 2019 rende noto il suo account Instagram @magnani337 dove il primo post condiviso è del 21 settembre 2019:

Nei commenti risponde ai leghisti e a chi lo contesta per le minacce a Salvini:

Qualcosa in contrario,se non sopporto chi vuole riportare il nazifascismo nella,nostra patria,io dopo quarant’anni non mi sono dimenticato il giuramento che ho prestato e cerco di onorarlo quotidianamente per quanto mi riesca non l’o perdo mai di vista……è forse un problema per te?????fammelo sapere mi raccomando……

A tutti gli ammiratori di Salvini i miei più vivi complimenti,grazie per i commenti…decisamente espressivi……

A quanto pare l’utente frequenta proprio la città di Cesena. Alcuni post su Instagram riportano la pubblicazione presso «Centro Cesena», in uno del 21 settembre 2019 dal «Chiosco Savelli» di Cesena:

La 7.57 Magnum che non esiste, ma…

Sostenitore del mondo dei militari e dell’esercito italiano, a qualcuno è parso strano leggere nella minaccia «un 7.57 magnum» ricordando che tale arma non esiste.

Tuttavia, leggendo bene non parla di «una» pistola. Scrivendo «un» è possibile che facesse riferimento a un proiettile 7×57 Mauser usato per i fucili da caccia.

Conclusioni

Risulta difficile ritenere che sia «un troll» creato per creare uno scandalo a favore di Matteo Salvini. Di attacchi non ne mancano nei suoi confronti per creare appositamente un account del genere che, visto quanto riscontrato, si troverebbe proprio in zona Cesena dove «aspetterebbe» il leader leghista. Il fatto che sia presente su Twitter e Instagram da settembre 2019 potrebbe farci pensare che sia da poco tempo presente sui social, forse perché non ci troviamo di fronte a un «giovanotto».

Leggi anche: