Il Napoli aspetta Lobotka. E, intanto, può investire 50 milioni di euro per tre giocatori dell’Hellas

Serata di incontri per gli uomini mercato degli azzurri. Il punto

Il grave ritardo in classifica, unito alla concreta possibilità di non disputare il prossimo anno la Champions League, non ferma il calciomercato del Napoli. Da una parte il tentativo di rimettere in piedi la stagione e cercare di avanzare in Champions (negli ottavi c’è il Barcellona), dall’altro la voglia di programmare e puntare sui giovani.

Il centrocampo, interessato negli ultimi anni dagli addii di Jorginho e Hamsik su tutti, è il reparto sotto osservazione anche perché la Liga (soprattutto Real e Barcellona) vorrebbe riportare a casa Fabian Ruiz, fischiato nell’ultima dal San Paolo e che gli azzurri valutano circa 80 milioni di euro.

Visualizza questo post su Instagram

💙🇸🇰

Un post condiviso da Stanislav Lobotka Official (@stanleylobotka37) in data:

Lobotka, settimana decisiva

Il primo rinforzo del Napoli dovrebbe essere, nonostante le ultime reticenze del Celta Vigo, Stanislav Lobotka, mediano slovacco in quota agli spagnoli. Ballano due milioni tra domanda e offerta (rispettivamente 22 e 20 milioni di euro) e, al di là delle schermaglie mercatare, l’affare dovrebbe andare in porto.

Asse Verona-Napoli

https://www.instagram.com/p/B5F_6o9okO1/

In serata il Napoli ha tenuto anche un vertice con gli agenti di Sofyan Amrabat. centrocampista in forza all’Hellas al quale Adl ha offerto 5 anni di contratto a poco meno di due milioni di euro a stagione. C’è ottimismo anche se il calciatore preferirebbe inserire una clausola di uscita da 40 milioni di euro. Il Napoli non gradisce, ma restano sensazioni positive per una operazione da complessivi 35 milioni di euro, nella quale rientra anche il difensore degli scaligeri Rrahmani. Sempre dall’Hellas, e per circa 15 milioni di euro, potrebbe arrivare a fine stagione anche il promettente difensore classe ‘2000 Marash Kumbulla, una delle sorprese positive dell’ottimo Verona di Juric in questo girone di andata.

Foto di copertina Ansa