Turchia, Erdogan ci riprova: vuole il “matrimonio riparatore”. Scoppia la rabbia delle donne

Una norma simile, che avrebbe permesso il rilascio dalla prigione di uomini condannati per aver abusato di minori, nel caso di un successivo matrimonio, era stata accantonata nel 2016

Quattro anni dall’ultimo tentativo, il Governo turco, sotto la guida di Recep Erdogan, prova a reintrodurre il “matrimonio riparatore”, abolito nel 2005. La bozza di legge, discussa in parlamento il 16 gennaio, potrebbe assicurare un salvacondotto agli autori di violenze sessuali contro le donne in caso di successive nozze, purché la differenza d’età sia inferiore ai 10 anni.

Secondo il partito di Erdogan, l’AKP, la norma è stata ideata per porre un rimedio alla piaga dei matrimoni infantili e ai casi di stupro. Non è di questo parere Fidan Ataselim, il segretario generale della piattaforma Fermiamo il femminicidio secondo cui si tratta di un tentativo di nascondere il numero crescente di casi di violenza contro le donne e di femminicidio.

Scoppiano le proteste

Insieme ad altri gruppi, la piattaforma di Ataselim ha chiesto il ritiro incondizionato della norma. Per il quotidiano britannico, The Guardian sarebbero scoppiate nuove proteste. Secondo le Nazioni Unite il 38% delle donne turche sarebbe stata vittima di violenze fisiche o sessuali da parte del proprio partner. Soltanto nel 2019, sono state assassinate almeno 474 donne nel Paese, un aumento rispetto agli anni precedenti.

Leggi anche: