Coronavirus, l’Oms dichiara l’emergenza sanitaria globale

In totale sono più di 8mila i casi di contagio nel mondo, 171 i decessi. L’Oms non raccomanda comunque limitazioni ai viaggi e al commercio

L’Organizzazione mondiale della sanità ha decretato l’emergenza globale per il Coronavirus che ha contagiato 8235 nel mondo, provocando 171 decessi. Stanno aumentando anche in Europa i numeri dei contagiati: in Francia i casi sono saliti a sei. In totale sono 11 i casi in Europa. Mentre negli Stati Uniti è stato confermato il primo caso di trasmissione da uomo a uomo.

«La dichiarazione non è legata al fatto che pensiamo che la Cina non stia facendo abbastanza, ma è per proteggere gli altri Paesi in cui sono stati registrati i contagi», ha dichiarato in conferenza stampa il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom. «Ora ci sono 98 casi di contagio da coronavirus in 18 Paesi fuori dalla Cina, tra cui 8 casi di trasmissione da uomo a uomo in quattro Paesi: Germania, Giappone, Vietnam e Stati Uniti – ha aggiunto il direttore generale -. Non sappiamo che tipo di danno questo virus potrebbe fare se si diffondesse in un Paese con un sistema sanitario più debole. Dobbiamo agire ora per aiutare i paesi a prepararsi a questa possibilità».

«Dobbiamo inoltre rivedere i piani di preparazione, identificare le lacune e valutare le risorse necessarie per identificare, isolare e curare i casi e prevenire la trasmissione, condividere dati, conoscenze e esperienze. Il solo modo di sconfiggere questa epidemia è che tutti i Paesi lavorino insieme in uno spirito di solidarietà e cooperazione», ha affermato Adhanom. L’Oms non raccomanda comunque limitazioni ai viaggi e al commercio, anzi Tedros Adhanom ha detto di opporsi a qualsiasi restrizione di viaggio. Intanto sono risultati negativi i due turisti cinesi che hanno fatto scattare l’allarme su una nave di Costa Crociere ferma da ore a Civitavecchia. Ora la nave potrà ripartire al più presto e i i 1.143 passeggeri (su 7mila) a bordo potranno sbarcare dopo ore di attesa.

Leggi anche: