Germania, Merkel rimuove membro del governo dopo lo scandalo di Turingia

Nei primi sondaggi effettuati dopo l’elezione “a sorpresa” di Kemmerich a governatore con i voti dell’Afd, Cdu vede crollare i consensi dal 21,7% al 12%

Dopo il dietrofront di Thomas Kemmerich (che oggi 8 febbraio ha annunciato le sue dimissioni «con effetto immediato») anche in casa Cdu iniziano a cadere le teste in seguito al terremoto provocato dal voto-blitz dell’Afd alle regionali in Turingia. La cancelliera tedesca ​Angela Merkel ha rimosso un membro del suo governo, nonché di Cdu, il suo partito, a seguito dello scandalo nazionale causato da un’alleanza senza precedenti tra Cdu e Afd, l’estrema destra.


«In un colloquio, la cancelliera mi ha informato che non posso più essere commissario governativo per gli stati regionali della Germania orientale», ha dichiarato Christian Hirte, il diretto interessato.

Da quanto emerge, intanto, il capo della Cdu in Turingia «non gode più del sostegno del partito». Nei primi sondaggi effettuati dopo l’elezione «a sorpresa» di Kemmerich a governatore insieme ai voti dell’Afd, il partito dell’ultradestra, la Cdu vede decimarsi i propri consensi, crollando dal 21,7% al 12%.

Ieri, 7 febbraio, anche il leader dei cristiano-democratici nel Land orientale, Mike Mohring, ha annunciato che rimetterà il proprio mandato, come ha annunciato ufficialmente la Cdu del parlamento della Turingia. Nel vertice della notte precedente, i deputati regionali hanno stabilito il rinnovamento di tutto il gruppo «entro la fine di maggio» e che Mohring «non si ricandiderà».

Leggi anche: