Agricoltura, presentata la nuova asta dei terreni agricoli. Incentivi per i giovani

Le offerte potranno essere presentate tra il 27 aprile e l’11 giugno e la partecipazione è aperta a tutti

Riportare i giovani alla terra, anche a fronte del crescente interesse per l’agricoltura (basti pensare che solo nel 2018 le imprese agricole giovanili sono aumentate del +4,1%). È questo il principale obiettivo dell’asta dei terreni pubblici della Banca nazionale delle terre agricole: a partire da oggi si può consultare la mappa dei terreni in vendita sul sito dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA).


Si parla di oltre 100 mila ettari di terra, pari a circa 386 terreni agricoli, pronti per essere venduti. Dal 19 aprile si potrà inviare la manifestazione di interesse, mentre le procedure di vendita inizieranno il 27 aprile e dureranno fino all’11 di giugno. In media i terreni sono di 26 ettari, molto di più rispetto alla media nazionale di 8,4. Come si evince dalla mappa, la maggior parte sono al Sud: Sicilia, Basilicata e Puglia e un quarto sono al Centro (Umbria e Toscana sopratutto). I terreni rimanenti sono distribuiti tra Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia e Piemonte.

Banca Nazionale delle Terre Agricole – La Mappa dei terreni

Gli incentivi per i giovani

Tra gli incentivi previsti per i giovani e per le donne non si parla soltanto di mutui agevolati di 30 anni al 100%. «Per gli under 41 che scelgono di aprire una nuova impresa agricola sarà lo Stato a farsi carico per i primi due anni dei contributi previdenziali», ha dichiarato la ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova intervenendo al convegno “Seminiamo il futuro” al Maxxi di Roma, durante il quale è stata lanciata l’iniziativa. «Per le donne – ha proseguito il ministro – che investono in agricoltura o aprono nuove imprese c’è “Donne in campo” con un fondo rotativo da 15 milioni di euro». Tutti fondi ricavati dall’asta per i lotti di terreno. Dai primi due i ricavi sono stati – per circa 5 mila ettari di terra – ben 52 milioni di euro. Per quest’anno sono previsti guadagni oltre i cento milioni.

Leggi anche:

Foto di copertina: Jake Gard on Unsplash