Coronavirus, l’ultimo bilancio in Lombardia: 73 morti e 1820 contagiati. Sono 209 i pazienti in terapia intensiva

Sale a 73 il numero delle vittime nella regione. Speranza: «Abbiamo bisogno di una mano fortissima da parte dei nostri concittadini»

Sono saliti a 1820 i contagi da Coronavirus registrati in Lombardia, 171 in più della giornata di ieri. A confermarlo è l’assessore al Welfare della Regione Giulio Gallera, nel bilancio quotidiano sui numeri dell’epidemia. I pazienti ricoverati sono 877. Di questi, 209 si trovano in terapia intensiva e 411 in isolamento domiciliare. Sono invece 250 le persone guarite e dimesse. Il numero delle vittime è arrivato a quota 73.


#Coronavirus, ultime notizie da Palazzo Lombardia – www.lombardianotizie.online

#Coronavirus, ultime notizie da Palazzo Lombardia – www.lombardianotizie.online+++ CONDIVIDETE QUESTA DIRETTA PER INFORMARE IL MAGGIOR NUMERO DI PERSONE +++In caso di sovraccarichi refresha la pagina oppure collegati a Twitter @reglombardia, Youtube Regione Lombardia o https://mediaportal.regione.lombardia.it/portal/home

Gepostet von Lombardia Notizie Online am Mittwoch, 4. März 2020

Un bilancio che è arrivato al termine della riunione all’Unità di crisi della regione Lombardia a cui ha partecipato anche il ministro della Sanità Roberto Speranza. «Abbiamo bisogno di una mano fortissima da parte dei nostri concittadini. Questa sfida si può vincere soltanto se ci saranno comportamenti corretti da parte di tutti i cittadini», ha sottolineato Speranza in un videomessaggio in conferenza stampa.

«Piccoli gesti quotidiani – prosegue il ministro – come smettere di dare la mano, provare ad avere sempre un metro di distanza. Sono piccoli atti quotidiani che non costano nulla ma che possono dare una mano a vincere questa sfida».

Il presidente della Lombardia Attilio Fontana ha invece parlato «della necessità» di comunicazioni «importanti per convincere i cittadini a mantenere comportamenti necessari» ad evitare la diffusione del contagio. «Faremo una campagna di comunicazione – ha spiegato il presidente – e la farà anche lo Stato in campo nazionale per convincere ai giusti comportamenti, a partire dagli anziani che dovrebbero avere “una vita più ritirata», evitare incontri con molta gente, mantenere la distanza di un metro ed evitare «saluti e abbracci».

Il parere degli esperti

Leggi anche: