La Corea del Sud conferma: «Sappiamo dov’è Kim Jong Un». Trump: «So come sta, non posso parlare»

Per diversi media internazionali, il leader nordcoreano sarebbe morto dopo un intervento al cuore. Ma il governo della Corea del Sud continua a smentire

In Corea del Sud sono più che certi sul fatto che il leader nordcoreano Kim Jong Un sia ancora vivo e stia bene. In un’audizione parlamentare a Seul, il ministero dell’unificazione sudcoreano Yeon-chul ha ribadito: «Il governo sa dove si trova». Un intervento che smentisce ancora una volta le speculazioni riportate nei giorni scorsi dalla stampa internazionale, in particolare da quella americana che dava ormai Kim Jong Un deceduto dopo un intervento al cuore a metà aprile. Anche Donald Trump ha detto di essere informato sulle condizioni di salute del leader nordcoreano: «Non posso dirlo esattamente – ha detto durante il briefing quotidiano sull’emergenza Coronavirus – so come sta ma non posso parlarne ora».

L’ultima apparizione pubblica di Kim Jong Un risale al 12 aprile. Tre giorni dopo non ha partecipato alle celebrazioni per il compleanno del nonno Kim Il Sung, fondatore del regime. Un’assenza che secondo Seul sarebbe legata ai timori di contagio del Coronavirus, non perché fosse malato. «Posso dire con sicurezza che non ci sono stati segnali insoliti dal Nord», ha ribadito il ministro sudcoreano Yeon-chul, bollando come fake news tutto quello che sta circolando sulla presunta malattia del leader nordcoreano.

Leggi anche: