Sondaggio Masia, cala solo la Lega e risalgono M5s e Pd. Fiducia nei leader: Conte regge, Salvini in discesa

Cresce la percentuale di coloro che si dicono negativi nei confronti del Governo: sono infatti il 45% degli intervistati

La Lega si conferma primo partito d’Italia nelle intenzioni di voto, nonostante il calo di 0,6 punti percentuali in una settimana: passa infatti dal 27,9% al 27,3%. Questo è quanto emerge dall’ultimo sondaggio su un campione di 1.600 cittadini condotto da Emg Acqua per la trasmissione tv Agorà. Il Pd si aggiudica il secondo posto, guadagnando lo 0,1% e passa così dal 20,7% al 20,8%. Terzo, il Movimento 5 Stelle che passa dal 15,1% al 15,4% in una settimana, risalendo dello 0,3%. Il partito guidato da Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia, rimane fuori dal podio con il 14,2%: la scorsa settimana era al 13,9%.

Agli ultimi posti Forza Italia e Italia Viva, rispettivamente con il 6,6% e il 5,0%. Il partito di Silvio Berlusconi cresce dello 0,2% mentre quello a guida di Matteo Renzi non registra alcuna crescita in termini percentuali. Tra i partiti minori, crescono Azione, con il 2,4%, e La Sinistra che arriva al 2,2%.

Per quanto riguarda la fiducia nei leader, il premier Giuseppe Conte rimane ancora il politico più amato, guadagnando un punto percentuale rispetto alla scorsa settimana: dal 44% si sposta al 45%. Al secondo posto Giorgia Meloni col 36% delle preferenze, e al terzo Matteo Salvini che perde un punto, passando dal 35% al 34%. A seguire Nicola Zingaretti (24%), Luigi Di Maio (21%). Poi ex aequo tra Carlo Calenda e Silvio Berlusconi, entrambi al 19%. Infine, agli ultimi posti, il governatore della Liguria Giovanni Toti (16%), Matteo Renzi (15%) e Vito Crimi (10%).

Cresce la percentuale di coloro che si dicono negativi nei confronti del Governo: sono infatti il 45% degli intervistati. Il 5% ripone molta fiducia nell’operato dell’esecutivo, il 31% ha abbastanza fiducia, mentre il 36% si dice positivo verso Giuseppe Conte e i suoi. Il 23% ha risposto di non avere per nulla fiducia.

Leggi anche: