«Twitter fa attivismo politico» : Trump firma l’ordine esecutivo sui social media

Il provvedimento priva i social dell’immunità legale contro le eventuali cause per i contenuti pubblicati sulle loro piattaforme

«Donald Trump ha firmato un controverso ordine esecutivo che potrebbe permettere ai funzionari federali di perseguire giganti tecnologici come Twitter, Facebook e Google», l’Indipendent titola così la notizia del presidente americano, che ha appena posto la sua firma sul provvedimento che prevede una stretta sui social media.

Con questo ordine, Trump priva i social dell’immunità legale contro le eventuali cause per i contenuti delle loro piattaforme. In sintesi, i social media potranno essere chiamati a rispondere di quanto pubblicato e di come hanno monitorato sulla pubblicazione. A sorvegliare l’attività dei social media saranno due agenzie federali: la Fcc, che si occupa di comunicazioni, e la Ftc, che si occupa di pratiche commerciali scorrette.

Ma non è tutto. Il presidente Usa ha anche annunciato che la sua amministrazione sta lavorando a una legislazione ad hoc per i social, in aggiunta all’ordine esecutivo. A far maturare la decisione, il recente scontro con Twitter, colpevole di aver segnalato due tweet di Trump, bollandoli come «privi di fondamento». Trump poche ore dopo aveva minacciato di chiudere Twitter. Nel firmare l’ordine esecutivo, il presidente Usa è tornato sulla questione, accusando il social media di fare «attivismo politico» e di assumere «posizioni editoriali».

Poco prima che arrivasse la notizia della firma dell’ordine esecutivo, il patron di Facebook Mark Zuckerberg commentava a Fox: «Devo ancora capire cosa intenda fare l’amministrazione, ma in generale penso che la scelta di un governo di censurare una piattaforma perché è preoccupato della sua censura non sia la giusta reazione».

Leggia anche: