George Floyd, lo sceriffo del Michigan si unisce alla protesta e marcia con i manifestanti – Il video

Lo sceriffo della contea Chris Swanson si è unito al canto dei manifestanti e ha partecipato alla marcia insieme a loro. Sono 25 le città degli Usa che si sono unite alle proteste partite da Minneapolis

A Flint, in Michigan, un gruppo di manifestanti scesi in strada per protestare contro la morte dell’afroamericano George Floyd, rimasto ucciso a Minneapolis dopo essere stato soffocato dal ginocchio dell’agente Derek Chauvin che lo aveva bloccato a terra, nel tentativo di ammanettarlo.


Durante il corteo, i manifestanti hanno fatto tappa al quartier generale della polizia. Lì hanno incontrato lo sceriffo della Contea Chris Swanson. L’agente si è unito al canto dei manifestanti e ha partecipato alla marcia insieme a loro. La protesta sì è svolta pacificamente, senza tensioni, ed è solo una delle tante città degli Stati Uniti che si è unita alla causa. Sono infatti 25 le province, tra cui Los Angeles, Atlanta e Philadelphia, che si sono unite al coro di Minneapolis e in ognuna di queste è stato proclamato il coprifuoco.

In alcuni casi è stata mobilitata la guardia nazionale per tenere sotto controllo le tensioni scoppiate in diverse proteste degli Usa. A Indianapolis sono state ferite da colpi di pistola almeno tre persone, una è morta nelle proteste, secondo quanto riporta la Cnn. In molte città ci sono stati momenti di tensione: a Philadelphia almeno 13 agenti sono rimasti feriti.

Video Twitter | @KristenClarkeJD

Leggi anche: