Salvini replica (ancora) dopo la polemica sulle ciliegie: «Forse per qualcuno è meglio farsi due canne»

«Quello era il mio pranzo, vuol dire che non mangerò più ciliegie», si difende il segretario della Lega e attacca la sinistra

Sembra non placarsi la polemica su Matteo Salvini, criticato per aver mangiato delle ciliegie durante un discorso di Luca Zaia sui bimbi morti in un ospedale veneto. L’ultimo atto arriva dallo stesso segretario della Lega che si difende in onda, su Mattino 5: «Zaia aveva parlato un quarto d’ora, avevamo parlato di lavoro, turismo, agricoltura. Quelle ciliegie ci erano state regalate dagli agricoltori che le hanno messe sul tavolo invitandoci a promuovere i prodotti italiani».


«Quello era il mio pranzo, vuol dire che non mangerò più ciliegie», si giustifica Salvini. Poi la frecciatina alla sinistra: «Forse per qualcuno è meglio farsi due canne che mangiare delle ciliegie». Il leghista aveva già postato un video sui social per replicare dopo la bufera. «Sto per fare un gesto sovversivo che attirerà critiche da sinistra», aveva scritto su Twitter, postando un video con un grappolo di ciliegie.

In difesa del segretario della Lega è intervenuto lo stesso Zaia: «Matteo Salvini non è una persona insensibile. Tra l’altro, ne avevo parlato con lui e sapeva di tutta questa vicenda», ha detto il governatore del Veneto.

Leggi anche: