Tre denunciati per il pestaggio di un 38enne tunisino a Jesolo: è ancora in pericolo di vita

Secondo i testimoni, il massacro è cominciato dopo che il 38enne tunisino, ubriaco e a torso nudo, aveva infastidito i clienti di un bar a Jesolo. Ora è ricoverato in terapia intensiva

Sono stati identificati e denunciati tre trentenni di Jesolo, in provincia di Venezia, che hanno aggredito un 38enne tunisino, finito in terapia intensiva per le gravi ferite riportate. L’accusa di violenza per i tre, incensurati, potrebbe aggravarsi visto che secondo i medici dell’ospedale di Mestre, il 38enne aggredito si trova ancora in pericolo di vita.

I tre aggressori sono stati identificati dai carabinieri grazie ai video di sorveglianza e ai testimoni che erano presenti al momento della rissa in un bar vicino a piazza Milano. Il 38enne tunisino, ubriaco e senza maglietta, poco prima aveva infastidito alcuni clienti del bar, lanciando contro di loro anche una bottiglia di vetro.

A quel punto i tre sono intervenuti, aggredendo il 38enne tunisino che è stato poi massacrato di botte. Nello scontro sono rimasti feriti anche i tre aggressori con escoriazioni al viso e per uno la frattura di un dito alla mano destra.

Leggi anche: