Formula 1, tredici piloti (compreso Hamilton) si inginocchiano contro il razzismo – Il video

Leclerc e Verstappen, invece, hanno deciso di non farlo, pur indossando la maglietta nera con la scritta “End racism”

I piloti della Formula 1 dicono no al razzismo e lo fanno inginocchiandosi sulla griglia di partenza prima del via del Gp d’Austria, così come preannunciato dal campione Lewis Hamilton. Un’immagine che vale più di mille parole. Tra i piloti che, invece, hanno deciso di non mettersi in ginocchio – pur indossando la maglietta nera con la scritta “end racism” – ci sono il ferrarista Leclerc e Verstappen.


Perché Leclerc e Verstappen non si sono inginocchiati

«Credo che ciò che conta siano fatti e comportamenti nella nostra vita quotidiana piuttosto che gesti formali che potrebbero essere considerati controversi in alcuni Paesi. Non mi metterò in ginocchio, ma questo non significa affatto che sono meno impegnato di altri nella lotta contro il razzismo», questa la “giustificazione” del pilota della Ferrari, Charles Leclerc, su Twitter.

Stesso discorso per Max Verstappen che, su Twitter, ha precisato: «Sono molto impegnato nell’uguaglianza e nella lotta contro il razzismo. Ma credo che ognuno abbia il diritto di esprimersi in un momento e nel modo che gli si addice. Oggi non mi metterò in ginocchio».

Foto da Mercedes-F1– Video da #L4NDO

Leggi anche: