L’assurdo paradosso del fondo per le casalinghe: stanziati 40 centesimi a testa

L’iniziativa, inserita nel decreto Agosto, vale 3 milioni di euro all’anno. Secondo le ultime rilevazioni dell’Istat, in Italia ci sono oltre 7 milioni di casalinghe

Quaranta centesimi a testa. Tanto vale, secondo quanto riporta il Corriere, il discusso fondo per le casalinghe, inserito dal governo nel decreto Agosto. Il fondo, «interamente destinato alla promozione della formazione personale delle donne, e in particolare alle casalinghe», disporrà di 3 milioni di euro all’anno.

Una cifra esigua, a dir poco, se si considera che – stando all’ultima rilevazione pubblicata dall’Istat – in Italia ci sono 7 milioni e 400 mila casalinghe. Tradotto: il governo ha stanziato 40 centesimi per ciascuna di loro, neppure il prezzo di un caffè al bar. Come evidenzia l’articolo de L’Economia, poi, i criteri e le modalità di funzionamento del fondo sono ancora tutte da chiarire: a questo proposito, bisognerà attendere un decreto del ministero delle Pari Opportunità e della Famiglia, atteso entro il 31 dicembre 2020.

Per di più, come Open aveva già sottolineato, l’idea parte da una falsa premessa e cioè che le donne non trovino lavoro perché non sono sufficientemente formate. I dati dell’Inps di febbraio 2020 dicono invece che le donne hanno in media titoli di istruzione più alti degli uomini: se non trovano lavoro o non riescono a tenerlo è probabilmente per altri motivi, ad esempio perché non hanno una rete sociale che consenta loro di cercare o mantenere un’occupazione a tempo pieno dopo l’arrivo dei figli.

Annunciando l’istituzione del fondo, la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, ha parlato di «un provvedimento che ho voluto e sostenuto con forza, pensando alla necessità che l’autonomia personale delle donne sia sempre sostenuta, anche nei contesti domestici. Quello che chiamiamo empowerment femminile nasce dalla formazione», ha detto la ministra.

Leggi anche: