Regionali, la candidata M5s in Puglia si ribella all’appello di Conte: «Non piego la testa, dovete tagliarmela»

Da giorni la candidata pugliese del M5s dice di ricevere pressioni perché rinunci alla sua corsa alla presidenza della Regione

Non ci sta la grillina Antonella Laricchia a buttar giù il rospo di un accordo elettorale con il Pd in Puglia, come ha invitato a fare il premier Giuseppe Conte in un’intervista al Fatto quotidiano. Già ieri, 18 agosto, la candidata pugliese alle prossime Regionali aveva parlato di «pressioni» sempre più insistenti perché si facesse da parte. Fino allo sfogo di oggi, con un post su Facebook in cui rigetta nettamente l’idea di sostenere Michele Emiliano, candidato per il centrosinistra.

«La mia presenza non è scontata – ha scritto Laricchia sui social – chiaramente sono sacrificabile in ogni momento, se qualcuno lo decide dall’alto. Ma non chiedetemi di piegare la tesa, piuttosto trovate il coraggio di tagliarla se volete salvare la mala politica di Emiliano e Fitto, perché finché non sarò rimossa da questo ruolo che mi è stato attribuito, andrò avanti a guidare questa opportunità di cambiamento».

Leggi anche: