Elezioni regionali, gli ultimi sondaggi: Toscana e Puglia in bilico, Toti e Zaia “vedono” la riconferma

De Luca avanti in Campania, Emiliano rincorre Fitto. E nelle Marche è in testa il meloniano Acquaroli. Le rilevazioni a due settimane dal voto

Con Giovanni Toti e Luca Zaia che vengono accreditati di un ampio margine di vantaggio, rispettivamente in Liguria e Veneto, i testa a testa più serrati tra Pd e centrodestra sembrano essere quelli in Toscana e Puglia. In Campania va verso la riconferma il dem Vincenzo De Luca, mentre nelle Marche il meloniano Francesco Acquaroli sembra essere in vantaggio. Sono alcuni dei punti chiave che emergono dagli ultimi sondaggi pubblicati sulle elezioni regionali del 20-21 settembre.


Secondo le rilevazioni di Noto Sondaggi, in Veneto Zaia è tra il 71 e il 75%. Staccatissimo, alle sue spalle, il candidato del centrosinistra Arturo Lorenzoni (18-22%). Sotto il 10% (2-6%) il candidato M5s Enrico Cappelletti. In Liguria Toti è tra il 54-58% mentre lo sfidante Ferruccio Sansa, candidato unitario Pd-M5s, si ferma tra il 37-41%. Discreto il vantaggio di un altro governatore uscente, De Luca, che in Campania è tra il 46-50%, mentre lo sfidante Stefano Caldoro, centrodestra, è tra il 34-38%. 

Più in bilico la sfida in Toscana, dove il candidato del centrosinistra Eugenio Giani è tra il 42-46% e la sfidante del centrodestra Susanna Ceccardi è tra il 39-43%. Qui, al Pd rischia di costare caro il fuoco amico della candidata M5s Irene Galletti, che secondo Youtrend è all’8,3%. Nelle Marche, Acquaroli si attesta tra il 47-51%, il candidato del centrosinistra Maurizio Mangialardi tra il 35-39%. Infine, in Puglia, Raffaele Fitto (centrodestra) appare leggermente in vantaggio: 39-43% contro il 36-40% del presidente uscente Michele Emiliano

Leggi anche: