Le teorie (?) di Radio Maria: «Il Coronavirus è un complotto per arrivare alla dittatura sanitaria»

L’origine del piano per diffondere il virus non è chiaro dalle parole di padre Livio: si parte del Demonio ma sono coinvolte anche èlite mondiali e menti criminali

Le parole risalgono allo scorso 11 novembre ma solo nelle ultime ore hanno cominciato a diventare virali. Nella sua rubrica Lettura cristiana della cronaca e della storia il direttore di Radio Maria don Livio Fanzaga ha azzardato una lettura decisamente lontana da quelle che conosciamo sul motivo per cui si è diffusa l’epidemia di Coronavirus. Nelle sue parole, che riportiamo qui sotto, si legge un disegno complesso che parte dal Demonio, passa da menti criminali e arriva fino alla fondazione guidata da Bill Gates.


«Questa epidemia è un progetto. E non è uscita neanche per caso dal laboratorio di Wuhan. Si è sviluppata come progetto ben preciso per colpire l’Occidente. Prima pensavo che fosse la Cina adesso comincio a pensare che forse non era solo la Cina. Ultimamente sono venuto a sapere che questa epidemia è stata già anticipata quattro o cinque anni fa. Nell’autunno scorso era stata fatta una simulazione ma era a conoscenza di tutti quelli che volevano seguirla. Una simulazione fatta dalla fondazione Gates.

Vi dico come la penso io. Questa epidemia è un progetto. Io ho sembra creduto al demonio ma il demonio si corona attraverso gli uomini. Quindi lo hanno realizzato delle menti criminali. Lo hanno realizzato con uno scopo ben preciso: creare un passaggio repentino verso un colpo di stato sanitario, mass mediatico, un progetto volto a fiaccare l’umanità e instaurare una dittatura sanitaria e cibernetica e creare un mondo nuovo senza Dio. In cui saremo tutti degli zombie».

Leggi anche: