Il vaccino Pfizer per il Covid è arrivato a Roma: domani ultima tappa allo Spallanzani

di Redazione

Al suo interno ci sono le prime 9.750 dosi in previsione del V-Day del 27 dicembre

Il vaccino per il Coronavirus è arrivato a Roma. La mattina di oggi, 25 dicembre, il furgone con le 9.750 dosi del vaccino Pfizer destinate all’Italia ha superato il confine del Brennero e in serata è arrivato alla caserma di Tor di Quinto scortato dalle auto dei carabinieri. Domani, 26 dicembre, affronterà l’ultimo viaggio prima della distribuzione, quello verso l’Istituto Spallanzani di Roma. Nella Capitale sono già pronti i mezzi militari che porteranno le dosi in altre destinazioni da raggiungere via terra nel raggio di 300 chilometri. Diverse dosi verranno poi imbarcate all’aeroporto di Pratica di Mare. Tutta questa prima fase della distribuzione è curata dalla Difesa.


La distribuzione

Alle prime migliaia di dosi dovrebbero aggiungersi altre 450 mila nella settimana che inizia il 28 dicembre, che verranno portate nei 300 punti di somministrazione. In totale del lotto dei 200 milioni di vaccini acquistati dall’Unione europea, in Italia dovrebbero arrivare 27 milioni. Le prime vaccinazioni di fine anno coinvolgeranno il personale sanitario e poi 11 milioni di italiani sopra i 60 anni.


Come ha dichiarato il Commissario straordinario Domenico Arcuri in una recente intervista, la seconda ondata di vaccini, dovrebbe partire nel primo trimestre del 2021, anche se la data è ancora da chiarire. Ad ogni modo, nella seconda campagna «più massiccia», oltre agli over 60 saranno vaccinati anche gli operatori che svolgono servizi essenziali che li mettono a rischio, come le forze dell’ordine e i professori scolastici.

Le regole

Attualmente in Italia non vige l’obbligo di vaccinazione. L’obbligatorietà del vaccino sul luogo di lavoro negli ultimi giorni è stato oggetto di un crescente dibattito. In un’intervista a Il Fatto Quotidiano il magistrato Raffaele Guariniello ha ipotizzato il licenziamento per i dipendenti che non accettano di vaccinarsi, una tesi che però solleva alcuni dubbi. Intanto, l’Ordine nazionale dei biologi ha pubblicato sul proprio sito il modulo del consenso per il vaccino Comirnaty, mentre l’Agenzia italiana del farmaco, ha redatto una guida.

Foto copertina: Rainews | Il primo furgone con le dosi del vaccino Pfizer al confine del Brennero

Leggi anche: