Amazon, Jeff Bezos abbandona il ruolo di Ceo: «È una responsabilità profonda e consuma». Al suo posto Andy Sassy

L’imprenditore statunitense ricoprirà il ruolo di executive chair della società da lui fondata. Bezos sta cercando di ritagliarsi tempo ed energia per i suoi altri progetti

Dal terzo trimestre 2021 Jeff Bezos non sarà più il Ceo di Amazon. Il fondatore del colosso dell’e-commerce, che andrà a ricoprire il ruolo di executive chair dell’azienda, lascerà il posto ad Andy Sassy, ​attualmente guida di Amazon web services. «Nel ruolo di executive chair, intendo concentrare le mie energie e la mia attenzione sui nuovi prodotti e sulle prime iniziative – si legge in una lettera ai dipendenti pubblicata online. Andy è ben noto all’interno dell’azienda ed è stato in Amazon dagli inizi di questo percorso. Sarà una guida eccezionale e ha la mia piena fiducia».


«Essere il Ceo di Amazon è una responsabilità profonda e consuma – prosegue Bezos -. Quando hai una responsabilità del genere, è difficile prestare attenzione a qualcos’altro. In questo momento vedo Amazon nella sua forma più creativa in assoluto, e questo è dunque un momento ottimale per questa transizione». «In questo nuovo ruolo resterò coinvolto nelle importanti iniziative di Amazon, ma avrò anche il tempo e l’energia di cui ho bisogno per concentrarmi sul Day 1 Fund, il Bezos Earth Fund, Blue Origin, The Washington Post e altre mie passioni».

Bezos, con un patrimonio stimato di 189,2 miliardi di dollari, è la persona più ricca del mondo, secondo le stime della rivista Forbes. Il suo annuncio è arrivato in contemporanea alla pubblicazione degli utili del quarto trimestre di Amazon, che hanno superato qualunque aspettativa. Il gigante dell’e-commerce chiude il quarto trimestre con ricavi in aumento del 44% a 125,56 miliardi di dollari. Un risultato nettamente sopra le attese degli analisti che scommettevano su 119,7 miliardi. L’utile per azione si è attestato a 14,09 dollari, stando alle stime diffuse da Bloomberg.

Leggi anche: