I numeri in chiaro, Sebastiani: «Crescita esponenziale in 4 Regioni. Contagio più veloce a Milano che a Brescia» – Il video

Secondo le analisi del matematico del Cnr, il tempo di raddoppio medio in Lombardia, Emilia-Romagna, Molise e Campania è simile a quello visto nel Regno Unito a dicembre

L’epidemia di Coronavirus è in crescita esponenziale in Lombardia, Emilia-Romagna, Molise e Campania. In altre regioni italiane, come la Toscana, la crescita è ancora lineare. Purtroppo però è già possibile prevedere che durante questa settimana, o al massimo all’inizio della prossima, anche la curva media dei decessi riprenderà a salire. Il professor Giovanni Sebastiani, matematico del Cnr, ha analizzato gli ultimi dati sulla diffusione del Covid-19 per la rubrica I numeri in chiaro di Open, con riferimento sia all’occupazione dei posti in terapia intensiva, sia all’incremento dei nuovi casi positivi per 100 mila abitanti.


«A dicembre il Regno Unito era in crescita esponenziale a causa delle varianti Covid, con un tempo di raddoppio di 5,2 giorni», spiega Sebastiani. «In Italia, a livello regionale, Lombardia, Emilia-Romagna, Molise e Campania sono in crescita esponenziale con un tempo di raddoppio medio di 5,8 giorni, non distante quindi da quello del Regno Unito».

Anche a livello provinciale si registrano preoccupanti andamenti esponenziali: «A Bergamo il tempo di raddoppio è di 8,3 giorni. A Brescia l’epidemia è più veloce, 6,6 giorni. Ancora più veloce a Milano: 4,9 giorni». Per fermare la terza ondata, le armi a nostra disposizione sono soltanto due: «Vaccinazioni a tamburo battente per le categorie fragili, e per gli under 65 che principalmente veicolano l’infezione; e misure maggiormente restrittive laddove necessario». Misure che il governo Draghi si appresta a varare con il nuovo Dpcm che verrà firmato domani. Mentre a livello regionale la Lombardia ha deciso di far scattare dal 3 marzo la zona arancione rafforzata per Cremona, Como e altri 50 Comuni.

Leggi anche: