Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ponte Morandi, in un servizio tv del 2015 le usure sullo strallo responsabile del crollo (che ha ucciso 43 persone) – Il video

Le ispezioni venivano spesso eseguite di notte. «Cosa mandavano i ciechi! Mandavano i ciechi a fare ispezioni questi! I ciechi!», dicevano gli allora massimi dirigenti di Autostrade

Non si placano le polemiche sul Ponte Morandi. Negli ultimi mesi stanno emergendo con maggiore forza le notizie sui difetti e lo stato di salute precario del viadotto collassato il 14 agosto 2018 a causa della rottura di uno strallo della pila 9, causando la morte di 43 persone. Secondo i quattro periti del Gip, che hanno depositato una relazione a dicembre, alcune ispezioni sarebbero state condotte addirittura di notte. «Cosa mandavano i ciechi! Mandavano i ciechi a fare ispezioni questi! I ciechi!», queste le intercettazioni in cui gli allora massimi dirigenti Paolo Berti (ex direttore centrale operazioni di Autostrade per l’Italia) e Michele Donferri Mitelli (ex capo nazionale delle manutenzioni di Aspi) commentavano il crollo.


A rincarare la dose i tecnici di Spea che si lamentavano delle condizioni in cui erano chiamati a lavorare: «Noi abbiamo sempre lavorato come c’han sempre detto, ovvero alla c… perché se vai a vedere un ponte di giorno… Eh, ci siamo mai andati di giorno? No… perché non han chiuso prima? Per il traffico… eh be’, chiudi tre ore e ci vai… cioè vai a vedere un ponte di notte? Chiudi e lo vai a vedere di giorno, non vai di notte con le lampade».


Il video del 21 ottobre 2015

Un video, che si trova agli atti e che è stato trasmesso in esclusiva dal TgLa7, mostra chiaramente lo stato di salute dello strallo della pila 9 lato Genova mare. «La guaina è apparsa ossidata; l’iniezione è assente; sono stati visti 3 dei 4 trefoli che si muovono con facilità facendo leva con uno scalpello; i fili dei trefoli sono ossidati», scrivono i periti. Insomma nel video – dove si mostrano le fasi del carotaggio eseguito la notte del 21 ottobre 2015 dai tecnici di Spea, la società che si occupava dei controlli tecnici e della manutenzione per conto di Autostrade per l’Italia – viene mostrato un evidente stato di usura dei trefoli. Lo strallo della pila 9 è lo stesso che cederà determinando con il tragico crollo del ponte Morandi.

Foto in copertina: ANSA/LUCA ZENNARO

Continua a leggere su Open

Leggi anche: