Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Terapie interrotte, Dad impossibile e isolamento. La vita in pandemia dei ragazzi autistici: «Ripartiamo dalla pizzeria» – Il video

L’1 maggio dieci giovani autistici verranno assunti, con contratto a tempo indeterminato, da PizzAut. Faranno i barman, i camerieri e i pizzaioli. Torneranno a vivere dopo un anno di pandemia che li ha visti costretti a casa, da soli, davanti a un pc

Francesco, Gabriele e Matteo sono una forza della natura. Hanno una grande voglia di lavorare, di tornare a vivere, di essere considerate persone “normali”, senza pietismo. Francesco, Gabriele e Matteo sono tre ragazzi che dall’1 maggio verranno assunti – con contratto a tempo indeterminato – da PizzAut, la prima pizzeria interamente gestita da ragazzi autistici. Faranno i barman, i camerieri e i pizzaioli. Un sogno che si avvera specialmente dopo aver superato un periodo durissimo. Con la pandemia del Coronavirus, infatti, a causa dell’isolamento forzato, i loro problemi sono aumentati a dismisura: non hanno più avuto accesso alle terapie, non hanno potuto frequentare la scuola (la Dad per loro è stata quasi impossibile), non hanno più socializzato, hanno fatto tanti, troppi passi indietro. «Il Covid ci ha portato via tutto. È stato drammatico, siamo spaventati e stressati», ci raccontano. «Sono 600 mila le persone con autismo in Italia e nessuno di loro, o quasi, lavora. Siamo dimenticati», ci confida Nino Acampora, fondatore di PizzAut e papà di un bambino autistico di 12 anni. Da educatore a ristoratore, tutto per il bene di suo figlio.


Foto e video di OPEN


Leggi anche: