Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Commissione europea ha ricevuto il Recovery Plan italiano. Ora ha due mesi per approvarlo

In tutto l’Ue ha ricevuto i piani da 13 Paesi. Questi documenti contengono le strategie di investimento dei fondi provenienti dal NextGenEu

«Abbiamo ricevuto il piano nazionale di ripresa e resilienza dell’Italia». Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha fatto sapere di aver ricevuto la versione definitiva del Recovery Plan italiano, messo a punto dal governo di Mario Draghi, che servirà come guida per la spesa dei 191 miliardi del Next Generation EU. Il fondo è stato messo a disposizione dall’Unione europea per combattere la crisi provocata dal Coronavirus. La commissione ha 60 giorni di tempo per analizzare e approvare i vari piani provenienti da tutti i Paesi membri.


«Il piano italiano comprende riforme e investimenti per la transizione digitale e verde, innovazione, competitività, cultura, istruzione, coesione e salute», ha scritto ancora von der Leyen. Nella stessa giornata, quella del 30 aprile (e cioè la deadline di consegna), hanno fatto recapitare i testi anche il Belgio, l’Austria e la Slovenia. In totale, la Commissione a ricevuto 13 documenti: oltre ai 4 già citati, sono pronti quelli di Danimarca, Germania, Grecia, Spagna, Francia, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo e Slovacchia. «La Commissione – si legge in una nota – continuerà ad interagire con gli stati rimanenti per aiutarli a stilare il piano al meglio».


Immagine di copertina: ANSA/ ANGELO CARCONI

Continua a leggere su Open

Leggi anche: