Covid-19, gli Stati Uniti sono pronti a revocare i brevetti sui vaccini. In India 380 mila casi di Covid in 24 ore

Negli Stati Uniti il contagio continua a rallentare. Biden: «La luce in fondo al tunnel sta diventando sempre più luminosa». In India nelle ultime 24 ore ancora 380 mila casi e oltre 3.700 decessi

USA

ìANSA/TONY VECE | I vaccini anti Covid-19 AstraZeneca, Pfizer e Moderna

L’annuncio: «Circostanze straordinarie invocano misure straordinarie»

L’intenzione c’è, e l’annuncio è ufficiale. Gli Stati Uniti sono pronti a revocare il brevetto sui vaccini per il Coronavirus così da rendere accelerare la produzione. Secondo fonti ufficiali l’annuncio arriverà dallo stesso presidente Joe Biden. A comunicare le ragioni di questa scelta è Katherine Tai, rappresentante Usa per il commercio: «Si tratta di una crisi sanitaria mondiale e le circostanze straordinarie della pandemia invocano misure straordinarie. L’amministrazione crede fermamente alle protezioni della proprieta’ intellettuale ma per mettere fine a questa pandemia sostiene la revoca di certe protezioni per i vaccini anti Covid-19».


L’obiettivo di Biden sui vaccini

Negli Usa che, come ha detto il presidente Joe Biden, stanno entrando in una «nuova fase» della campagna di vaccinazione contro il Coronavirus, il numero delle infezioni segnalate è sceso al punto più basso in sette mesi. «La luce in fondo al tunnel sta diventando sempre più luminosa», ha detto Biden. L’obiettivo dell’amministrazione è somministrare almeno una dose al 70% degli adulti entro il 4 luglio. «So che c’è molta disinformazione là fuori», ha detto Biden. «Ma c’è un fatto che voglio che ogni americano sappia: le persone che non sono completamente vaccinate possono ancora morire ogni giorno di Covid-19». Secondo un’analisi del Washington Post, il Paese è sceso sotto la soglia dei 50.000 nuovi casi in media al giorno per la prima volta in sette mesi.

INDIA

EPA/DIVYAKANT SOLANKI | Persone in coda per il vaccino a Mumbai.

L’andamento della pandemia in India

Non accenna ad allentare la morsa l’ondata di contagi da Covid-19 che nelle ultime settimane ha travolto l’India. Nelle ultime 24 ore il Paese ha registrato oltre 380 mila nuovi casi di Covid-19, con un bilancio complessivo da inizio pandemia che sale a 20,6 milioni. Aumentano anche i decessi, 3.780. Entrambi i dati sono in aumento rispetto a ieri, quando si erano registrati 357.229 casi e 3.449 vittime. Negli ultimi giorni, dopo il picco di 402.000 casi venerdì, il dato dei nuovi contagi era sceso a 392.500 il sabato, a 368.000 domenica e a meno di 360.000 lunedì, ora un nuovo aumento. Intervenendo sulla precaria situazione in molti ospedali del Paese, a corto di forniture mediche, un tribunale nello stato settentrionale dell’Uttar Pradesh ha stabilito che le morti dei pazienti di Covid causate dalla mancanza di ossigeno sono «un atto criminale, non meno di un genocidio, da parte di coloro che hanno la responsabilità di assicurare l’approvvigionamento e la fornitura».

Leggi anche: