Maturità senza Covid. Come funziona il piano del Lazio per vaccinare tutti i maturandi

L’idea piace anche ai sindacati: «Le vaccinazioni per i maturandi andrebbero realizzate in tutte le Regioni»

L’annuncio è arrivato dall’assessore alla Sanità del Lazio Alessio d’Amato: «Entro il 2 giugno faremo un open day nel Lazio per vaccinare gli studenti che affronteranno gli esami di Maturità». Le prove di Maturità di quest’anno saranno organizzate sullo stesso modello del 2020: niente scritti ma solo esami orali in presenza. Ed ecco perché la regione Lazio punta a vaccinare contro il Covid anche gli studenti: «Pensiamo – spiega l’assessore Alessio d’Amato – sia importante far svolgere in tranquillità gli esami. La gran parte del personale docente e non docente avrà avuto il vaccino ed è importante che lo abbiano anche i maturandi».


Le vaccinazioni per i maturandi dovrebbe essere organizzate attraverso un’app: «Stiamo studiando le modalità operative: sicuramente utilizzeremo la app dell’open day tre clik e dopo 48 ore il vaccino». L’idea ha trovato una sponda anche dal presidente dell’Associazione Presidi di Roma e Lazio, Mario Rusconi: «Open day per i vaccini ai maturandi? Sia sui tamponi salivari che per i vaccini ai maturandi siamo favorevoli, chiediamo queste misure da mesi, anzi da quasi un anno.Ora speriamo ci venga comunicata questa decisione di fare gli open day per i vaccini e soprattutto che seguano fatti concreti».


I sindacati: «Ora in tutte le regioni»

Soddisfatti della decisione anche i sindacati. Francesco Sinopoli della Cgil ha commentato: «Le vaccinazioni per i maturandi andrebbero realizzate in tutte le Regioni. È ottimo se ci sono le condizioni per vaccinare i maturandi: più va avanti la campagna di vaccinazione, meglio è». Commenti positivi anche da Nicola Zingaretti: «Vaccinare i maturandi ora è possibile e lo faremo. Torniamo alla normalità con i vaccini e pensando a tutti. È giusto pensare a ragazzi e ragazze che hanno di fronte questa prova, dopo 2 anni difficili anche per lo studio e la vita sociale».

Leggi anche: