Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Viaggio a San Marino Covid free. Tra italiani furbetti, Sputnik a 50 euro e nessun coprifuoco: «Qui siamo tutti vaccinati» – Il video

Siamo andati nella Repubblica di San Marino dove praticamente non ci sono più divieti anti-Covid. La campagna vaccinale corre spedita, Sputnik viene venduto ai turisti a 50 euro mentre gli italiani si trasformano in “guastafeste” creando problemi al piccolo Stato di 30mila abitanti

Nella Repubblica di San Marino sono state superate le 40mila vaccinazioni. Si respira un’aria di festa, di libertà, di speranza. L’atmosfera è quasi surreale: nessun nuovo caso, pochissimi gli attualmente positivi (e comunque tutti a casa, mai ricoverati), chiuso il reparto Covid, nessun paziente in terapia intensiva. E mentre il peggio sembra essere passato, i giovani, per più di un anno ai “domiciliari”, si ritrovano al bar, al ristorante, anche al chiuso, a mangiare come si faceva in epoca pre-Covid. Molti tengono le mascherine abbassate, non c’è più il coprifuoco, si può fare nottata ma ancora non si può andare in discoteca (almeno fino al 19 giugno, quando si terrà la prima serata in cui potranno entrare solo i vaccinati, i guariti o chi si è sottoposto a un tampone).


L’arma vincente? Sputnik

La ricetta “vincente” di San Marino si chiama Sputnik V, il vaccino russo adesso somministrato anche ai turisti che ne fanno richiesta. In questi giorni, infatti, stanno arrivando persone da Dubai, Australia, Usa, Perù, Filippine, Colombia e Svezia, solo per citare alcuni Paesi. Non c’è il nostro però. Gli italiani non si scoraggiano – ci raccontano – e tempestano di telefonate gli albergatori della piccola repubblica provando in tutti i modi a ottenere il vaccino. Ma niente da fare. Le autorità locali sono rigidissime: se hai la residenza in Italia, non puoi avere lo Sputnik V. Per tutti gli altri, compreso un italiano residente a Dubai, invece, è stato possibile ricevere il farmaco russo pagando sei notti di albergo (tre per la prima dose, tre per la seconda) oltre a un contributo di 50 euro. Una procedura semplicissima che sta dando una boccata d’ossigeno agli albergatori, messi in ginocchio dalla pandemia. Lo chiamano “turismo vaccinale”. Gli unici a boicottare lo Sputnik sono i no-vax, tra cui diversi sanitari dell’ospedale di Stato di San Marino.


Cosa fanno gli italiani «furbetti»

Ma la piccola repubblica, che conta circa 34 mila abitanti e che all’Italia (non solo geograficamente) è attaccata, non vede l’ora che anche nel nostro Paese venga abolito il coprifuoco. I residenti non ce la fanno più: ogni sera arrivano frotte di italiani, specialmente giovanissimi, che trascorrono la serata lì, bevendo e restando in giro fino alle 5, orario in cui si può rientrare nel nostro Paese. Insomma, un modo per aggirare il coprifuoco italiano. Una “furbata” a cui il governo di San Marino ha deciso di mettere un freno con decreti ad hoc. Dopo danneggiamenti, risse, tentate violenze, vasi rotti e schiamazzi, infatti, San Marino è corsa ai ripari. In attesa che anche gli italiani ritrovino la loro (totale) libertà, senza dover ricorrere a escamotage.

Il coprifuoco non viene rispettato nemmeno in Italia – Video di Fabio Giuffrida e Felice Florio da Milano

Leggi anche: