Tokyo 2020, la Germania lascia il campo durante l’amichevole con l’Honduras per gli insulti razzisti

La Federazione tedesca ha fatto sapere che il suo calciatore Jordan Torunarigha è stato vittima di commenti razzisti. Gli avversari parlano di un malinteso

La nazionale olimpica tedesca ha lasciato il campo prima della fine di un’amichevole contro l’Honduras a Tokyo segnalando che il suo difensore Jordan Torunarigha ha ricevuto insulti razzisti. A denunciare l’episodio l’account Twitter della Federazione tedesca: «La partita è terminata 5 minuti prima della fine, sul punteggio di 1-1. I giocatori tedeschi hanno lasciato il campo dopo che Jordan Torunarigha è stato vittima di commenti razzisti”, ha twittato la Federazione tedesca». L’allenatore della squadra Stefan Kuntz ha detto: «Quando uno dei nostri giocatori è vittima di razzismo, non giocare è la nostra scelta». La federazione honduregna dal canto suo ha confermato la sospensione della partita ma ha sostenuto che tutto sia stato il frutto di un malinteso sul campo.


Tokyo 2020, la Germania lascia il campo per gli insulti razzisti

La partita di allenamento a porte chiuse era stata organizzata per preparare il torno di calcio delle Olimpiadi di Tokyo 2020 e si è svolta a Wakayama, in Giappone. La Federazione tedesca ha confermato che la partita si è giocata con due tempi da 30 minuti ciascuno. Douglas Martinez ha segnato la rete dell’Honduras nel primo tempo. Uduokhai ha pareggiato a pochi minuti dalla fine. Torunarigha, 23 anni, è un difensore e gioca per l’Hertha Berlino nella Bundesliga tedesca. Ha rappresentato la Germania in tutte le fasce d’età, dall’under 16 all’U21. La Germania giocherà la sua partita d’esordio alle Olimpiadi di Tokyo contro il Brasile il 22 luglio prima di affrontare l’Arabia Saudita e la Costa d’Avorio nel Gruppo D. Torunarigha aveva già denunciato, nel febbraio 2020, i versi scimmieschi emessi sugli spalti dai tifosi dello Schalke 04 durante una partita di Coppa di Germania con il suo club, l’Hertha Berlino.


Foto copertina da: Twitter

Leggi anche: