F1, Hamilton sull’incidente con Verstappen: «È aggressivo, non mi ha mai lasciato spazio»

Il pilota della Mercedes, vincitore del Gran Premio, non crede di avere colpe per l’incidente capitato al rivale olandese della Red Bull uscito fuori pista nel secondo giro di gara

Poco dopo dalla fine del Gran Premio di Formula 1 che ha visto vincere la Mercedes di Lewis Hamilton, è proprio il campione a lasciare dichiarazioni sull’infuocato testa a testa avuto con Max Verstapppen nei primi minuti di gara. Scontro finito con l’incidente e l’uscita fuori pista del pilota olandese. «Nell’approccio alla gara sapevo che dovevo fronteggiare un rivale aggressivo come Max» ha commentato Hamilton, «oggi io mi sono affiancato a lui e non mi ha mai lasciato spazio. Ma al di là della penalità – che io sia d’accordo o meno – ho incassato il colpo e continuato a lavorare cercando di fare il mio lavoro e godermi il pubblico».
Secondo le dichiarazioni rilasciate sull’accaduto dunque, Lewis Hamilton non crede di avere colpe per l’incidente capitato al rivale per il Mondiale Max Verstapppen, che dopo l’uscita fuori pista è riuscito a uscire da solo dall’abitacolo della sua auto e a raggiungere i sanitari per gli accertamenti. «Sentiremo l’inno nazionale e vedremo le bandiere britanniche», ha aggiunto poi il pilota della Mercedes parlando della sua vittoria, «davvero qualcosa di travolgente. Il nostro pubblico è il migliore del mondo. Grazie ragazzi. Sono molto grato ai fan. Spero che tutti stiamo al sicuro e tornino a casa senza problemi. Non avrei potuto fare tutto questo senza il lavoro straordinario di Valtteri e del team».


Leggi anche: