Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia
MONDO NasaSpazioUSAVideo

Paura sulla Stazione Spaziale Internazionale: i motori del modulo Nauka si accendono per errore – Il video

La Iss si è inclinata di 45 gradi. La comunicazione tra lo spazio e la terra si è interrotta per alcuni minuti. Nessuna conseguenza per l’equipaggio

Paura sull’ISS. Secondo i resoconti della Nasa i motori del modulo russo Nauka si sono accesi in modo incontrollato circa tre ore dopo l’attracco mettendo in rotazione l’intera Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Questo ha causato l’attivazione dei propulsori di alcuni modulo a bordo allo scopo di contrastare la spinta. La ISS ha così raggiunto un’inclinazione di 45 gradi. Successivamente la situazione è tornata sotto controllo. Nessun danno per i sette astronauti a bordo. Ora i tecnici investigheranno sulle cause del malfunzionamento.


Il modulo Nauka e la Stazione Spaziale Internazionale

Secondo il racconto della Nasa i cosmonauti hanno segnalato tre ore dopo l’attracco l’accensione inaspettata dei motori di Nauka. Poi sono stati accesi i propulsori del segmento russo per compensare il movimento prodotto sul laboratorio orbitale. A quel punto la comunicazione tra la stazione e la torre di controllo via terra si è interrotta per due volte per alcuni minuti. Successivamente Joel Montalbano, responsabile del programma dell’ISS della Nasa, ha spiegato che la Stazione ha perso l’allineamento a una velocità di circa mezzo grado al secondo. La Nasa ha assicurato comunque che l’equipaggio «non è mai stato e non è in alcun pericolo», anzi che l’equipaggio «in realtà non ha avvertito alcun movimento». Poi il team di terra ha ripreso il controllo della situazione e il movimento della stazione spaziale è tornato stabile. La responsabile voli della Nasa, Kathy Lueders, ha comunque riconosciuto che l’incidente è stato «davvero coinvolgente» e ha ringraziato l’equipaggio che lo ha superato senza problemi.


Foto copertina da: @roscosmos su Twitter

Continua a leggere su Open

Leggi anche: