Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ristoranti, palestre e bar. Nei gruppi Telegram vicini a Io Apro la mappa dei locali che non chiedono il Green pass

Sono centinaia. Tutti indicati con nome, indirizzo e categoria. Su una mappa realizzata con Google Maps sono raccolti tutti i posti che non chiedono nessuna certificazione per entrare

Quasi 300 ristoranti. Oltre 200 bar. Circa 50 fra palestre e centri per il fitness. Tutte ripartite per categoria, tutte geolocalizzate su una mappa, tutte ben indicate con nome e indirizzo. E tutte accomunate da una caratteristica: per entrare, almeno secondo chi ha compilato la mappa, non serve il Green pass. Oggi è il giorno della certificazione per bar e ristoranti. Per consumare all’interno dei locali, senza fermarsi al bancone, è necessario mostrare il Green pass. I gruppi Telegram vicini alla rete Io Apro sono in fermento. Sono gruppi nati sulla scia del movimento ufficiale Io Apro, formalmente non riconosciuti dagli organizzatori. In uno di questi, nato IoApro Milano e ora ribattezzato Aperti e Liberi – Milano, da questa mattina circolano indicazioni sui locali che hanno scelto apertamente di non chiedere il Green pass. «Segnalo ottimo ristorante a Legnano che ha scelto di essere libero». O anche: «Questa pasticceria non chiede il Green pass per entrare e vuole farlo sapere».


La mappa creata, pubblicata e gestita dal gruppo Telegram tramite Google Maps.

Uno degli utenti ha raccolto tutte queste segnalazioni in una mappa. Ci sono quasi mille luoghi registrati in tutta Italia. Si va dai ristoranti ai bar, dai cinema alle palestre, passando anche da centri medici e cantine per la degustazione. Il file si chiama APERTI E LIBERI, ed è in continuo aggiornamento. In questi luoghi, viene spiegato dagli attivisti, è possibile accedere senza Green pass. Circola anche un video con l’intervista a Gianfranco Passerò, un barista di Alghero in Sardegna che ha appeso un cartello sul suo locale in cui paragona il Green pass alla stella di David con cui venivano identificati gli ebrei nei campi di sterminio:


«A suo tempo il divieto di ingresso nei locali pubblici per gli ebrei fondava su convinzioni scientifiche sbagliate, li si riteneva un pericolo per la purezza della razza, ora siamo nuovamente di fronte a un’imposizione fondata su ragioni non scientificamente dimostrate».

TELEGRAM | La chat di Aperti e Liberi, il gruppo Telegram che prima si chiamava Io Apro Milano

Per alcuni ristoranti c’è un richiamo diretto a un post sui social in cui il titolare ha chiarito di non voler chiedere alcune certificazione. Per altri basta un sentito dire, una segnalazione degli utenti e si viene inseriti nella mappa. Saranno gli amministratori a decidere, come viene spiegato in chat: «Come fa un locale ad aderire e quindi finire sulla piantina?». «Comunicandolo qui. Gli admin che leggono inseriranno in mappa». Come diversi titolari ci hanno segnalato, quindi, è possibile che un locale sia stato inserito nella mappa senza l’approvazione del suo proprietario. O peggio, sulla base di un’indicazione falsa. Il censimento però non si limita a chi non vuole rispettare il decreto del Governo. Sulla mappa ci sono anche i locali che invece chiedono il Green pass, segnati in grigio.

La replica di IoApro: «Noi non abbiamo redatto nessuna lista nera»

Umberto Carriera, leader del movimento IoApro, ha preso le distanze da questa mappa e da chi l’ha creata: «L’unico profilo Telegram che possediamo – dice Umberto Carriera, leader del Movimento IoApro – è quello che riporta il nome “Ioaproofficial” e mai abbiamo boicottato i ristoratori favorevoli al Green pass. Noi di IoApro chiediamo solo di poter lavorare, siamo contro il Green pass ma nessuno chiederà mai di lasciare recensioni negative a quei ristoranti che accettano il Green pass. Sarebbe una follia, noi non abbiamo alcuna intenzione di dividere le categorie dei ristoratori, speriamo solo che tutti possano lavorare dopo un periodo che ci ha economicamente e psicologicamente martoriati».

Le richieste di rettifica

A seguito della pubblicazione di questo articolo, alcuni titolari ci hanno contattato per dichiararsi estranei all’iniziativa del gruppo Telegram richiedendo una formale rettifica.

Trattoria Sabatino, Firenze

Il legale della titolare della Trattoria Sabatino, con sede a Firenze, dichiara falsa l’attribuzione del locale da parte dei gestori del gruppo Telegram: «Ebbene, in detta cartina è indicata erroneamente la trattoria Sabatino. La trattoria Sabatino ha chiesto regolarmente di esibire il green pass e/o l’esenzione e/o il tampone negativo nelle 48 h antecedenti, ai propri avventori».

Sioot Società Scientifica Ossigeno Ozono Terapia

ll legale della società Sioot Società Scientifica Ossigeno Ozono Terapia dichiara falsa l’attribuzione del locale da parte dei gestori del gruppo Telegram: «Non corrisponde al vero che i centri SIOOT ed i suoi associati rientrino tra le strutture e tra i soggetti che non richiedono il Green pass». Ci viene richiesto di modificare la mappa rimuovendo le indicazioni della società. Tale richiesta, purtroppo, non ci compete in quanto Open e i suoi redattori non sono i titolari/gestori della mappa creata tramite i tool forniti dalle piattaforme Google. Gli unici a poter apportare le dovute modifiche sono i creatori della mappa e gestori del gruppo Telegram che l’ha diffusa, di cui non si conoscono le identità.

Leggi anche: