Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Incendio a Milano, scattano le perquisizioni: sequestrati documenti sui pannelli in un’azienda del Piacentino

L’operazione negli uffici della Aza Aghito Zambonini di Fiorenzuola è stata disposta dalla procura

Scattano le prime perquisizioni e i sequestri nell’ambito dell’indagine sull’incendio della Torre dei Moro a Milano. Nella giornata di oggi, 3 settembre, sono stati acquisiti documenti relativi ai pannelli del rivestimento esterno del grattacielo di 18 piani che domenica scorsa è incendiato trasformandosi in una torcia incandescente. Le operazioni “presso terzi”, negli uffici della Aza Aghito Zambonini di Fiorenzuola (Piacenza), sono state disposte dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e dal pm Marina Petruzzella nell’ambito dell’indagine per disastro colposo ancora a carico di ignoti e affidate a una squadra composta da vigili del fuoco, polizia giudiziaria in quota alla Procura.


La squadra di investigatori composta da vigili del fuoco e personale di polizia giudiziaria sta raccogliendo nell’azienda «specializzata – si legge sul sito web della società – nella progettazione, produzione, installazione e personalizzazione delle facciate per edifici residenziali, commerciali, o ad uso industriale» documentazione commerciale e delle gare d’appalto, schede dei materiali e tutto quanto servirà per far luce sui pannelli esterni. Tra i vari nodi da sciogliere, c’è anche quello sul ruolo della Aza Aghito Zambonini nella realizzazione della copertura esterna a forma di ‘vela’ del grattacielo di via Antonini. In sostanza si vuole capire se abbia prodotto i pannelli forniti oppure li abbia solo commercializzati. In questo caso bisognerà, quindi, anche risalire alla ditta produttrice. Intanto, mentre proseguono le indagini con l’audizione di molte persone, è stato rintracciato il proprietario dell’appartamento del 15esimo piano, quello da cui si è sviluppato l’incendio, che dovrà pure lui essere sentito. Da quanto è stato riferito, i vigili del fuoco, che hanno già assemblato i vari video sull’incendio in un unico filmato in cui viene ricostruito quel che è accaduto e stanno stendendo una relazione da consegnare in Procura, in soli tre giorni hanno effettuato 110 accessi per poter consentire agli inquilini di recuperare nelle loro abitazioni devastate gli effetti personali.


Leggi anche: