Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Tokyo 2020, storico en plein alle Paralimpiadi: italiane prima, seconda e terza nei 100 metri

Sabatini, Lombardo e Contraffatto entrano nella storia dell’atletica italiana conquistando tre medaglie. L’Italia raggiunge quota 69 medaglie a questi giochi

Alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 l’atletica azzurra scrive una pagina storica conquistando tre medaglie nei 100 metri femminili. Sul gradino più alto del podio Ambra Sabatini, 19enne originaria di Livorno e residente a Porto Ercole (Grosseto), che con 14”11 ha realizzato il record del mondo. Argento a Martina Caironi, 31enne originaria di Alzano Lombardo (Bergamo) e residente a Bologna (14”46) e bronzo a Monica Graziana Contrafatto, 40enne originaria di Gela (Caltanissetta) e residente a Roma (14”73). L’Italia raggiunge così le 69 medaglie a questi Giochi.


La dedica all’Afghanistan

Dopo il trionfo la vincitrice del bronzo, Contraffatto, ha dedicato il proprio successo all’Afghanistan, Paese dove ha svolto servizio come militare nel 2012. «Io voglio dedicare la mia medaglia a quell’altro Paese che mi ha tolto qualcosa ma in realtà mi ha dato tanto», ha detto l’atleta ai microfoni di Rai Sport riferendosi al Paese mediorientale. Proprio durante il suo operato fu colpita alla gamba dalle schegge di una bomba esplosa. Per le ferite riportate anche all’arteria femorale, all’intestino e a una mano, Contraffatto subì l’amputazione dellla gamba destra.


L’omaggio di Draghi

Anche il presidente del Consiglio Mario Draghi si è congratulato con le atlete azzurre. In un messaggio di Palazzo Chigi, il premier ha espresso soddisfazione «per lo storico risultato nei 100 metri categoria T63 alle Paralimpiadi di Tokyo, che si aggiunge ai tanti successi azzurri che stanno caratterizzando questa edizione. La dedizione, la professionalità e il talento dimostrato dagli atleti paralimpici italiani», ha proseguito Draghi nel messaggio, «è fonte di grande orgoglio e ispirazione per tutto il Paese». Al ritorno dal Giappone il capo dell’esecutivo riceverò le tre atlete, oltre a tutti gli altri vincitori italiani di un titolo a Tokyo.

Il messaggio di Jacobs su Instagram

Dopo la gara sono iniziati ad arrivare i primi messaggi di congratulazioni nei confronti del trio di azzurre. Uno dei primi a omaggiare la prestazione delle ragazze è stato il primatista olimpico Marcel Jacobs, che su Instagram ha postato una storia dove ringrazia le colleghe per averlo fatto «emozionare».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: