Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Green pass anche per i genitori che portano i figli a scuola, i presidi: «Sarà un enorme problema»

Il presidente dell’Anpi Antonello Giannelli si è detto preoccupato per i rischi. La replica di Bianchi: «Non ci saranno assembramenti»

Estendere il Green pass come misura di contenimento anti Covid anche ai genitori che accompagnano i figli a scuola potrebbe creare «un enorme problema alle scuole». A dirlo è Antonello Giannelli, presidente nazionale della associazione presidi, in un’intervista a Omnibus su La7. «Per i controlli si creeranno code all’esterno o all’interno delle scuole con il rischio di creare assembramenti», ha fatto presente Giannelli, per il quale non si può fare «un paragone con i ristoranti o con le stazioni perché in questi casi non entrano tutti allo stesso minuto come avviene invece nelle scuole». Rimane ancora irrisolto il problema dei trasporti. Giannelli si è detto «assolutamente contrario» allo scaglionamento dell’orario di entrata tra le 8 e le 10. «Si stravolgono i tempi dei ragazzi – ha detto – che tornerebbero in alcuni casi alle 17 senza un pasto caldo e a quell’età è un problema». Altro nodo da sciogliere è «il problema delle classi pollaio, anche se io non amo questo termine. La situazione, dal punto di vista dei locali, è infatti identica a quella di settembre 2020. Le strutture non sono adeguate da sempre».


La replica di Bianchi:

Il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi, a margine di un convegno a Reggio Emilia, ha risposto ai presidi sui rischi del Green pass per i genitori. «L’assembramento non c’è, i genitori hanno sempre portato i figli alle porte della scuola. Credo che alla base ci sia un principio fondamentale – ha aggiunto – : i grandi tutelano i piccoli. Questo è quello che stiamo facendo da sempre. Il genitore che deve entrare a scuola per parlare con un insegnante, lo farà nella tutela di tutti. È quello che stiamo facendo e che abbiamo sempre fatto». Il ministro ha poi specificato che, in caso di contagi a scuola, il decreto del 6 agosto prevede che il positivo e i suoi contatti vengano isolati. «Non è più fattibile chiudere tutte le scuole della regione se c’è un problema in una scuola», ha detto. «Stiamo facendo una battaglia importante, spero sia l’ultima, ma si fa tutti insieme».


Leggi anche: