Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Cecilia Strada denuncerà chi ha diffuso bufale sul padre Gino: «Finanzierò i soccorsi in mare con i vostri soldi»

L’annuncio della figlia del fondatore di Emergency su Facebook: «Io non ho il dovere di educare gli altri, e chi calunnia è l’unico responsabile delle proprie parole»

Cecilia Strada ha intenzione di denunciare chi ha diffuso bufale e fake news sul padre Gino, il fondatore di Emergency morto il 13 agosto scorso. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, specificando anche la destinazione dei risarcimenti: «Avevo pensato di dare una serie di risposte collettive, informative ed educative, a tutte le bufale su mio padre, Gino Strada, che mi sono state segnalate nelle ultime settimane (dalla vaccata della residenza in Svizzera alla bufala sui soldati italiani a Mosul, passando ovviamente per gli anni ’70, katanga, Ramelli e diffamazioni varie che hanno già perso in un tribunale, ripeto che hanno già perso in un tribunale)». E quindi: «Poi ho pensato che no, non ho il dovere di educare chi calunnia. Io sono responsabile di quello che faccio e dico. Gli altri devono fare lo stesso, anche quando inciampano in una bufala e anziché controllare – come faccio io prima di parlare – la fanno propria diffondendola. Io non ho il dovere di educare gli altri, e chi calunnia è l’unico responsabile delle proprie parole».


Poi l’annuncio: «Questa settimana ho troppo da fare, ma settimana prossima prometto che trovo due ore per parlare con l’avvocata e arrivo, ragazzi, arrivo da tutti. Se avete condiviso bufale senza pensarci, vi consiglio di trovare anche voi due ore per la vostra avvocata, perché ho un sacco di voglia di finanziare un po’ di soccorsi in mare con i vostri soldi. E anche questo, in realtà, sarà educativo: insegnerà a un po’ di persone come si sta al mondo, che esistono le leggi, e che non si può diffamare a caso. Poi magari potete rivolgervi – per aiutarvi a pagare il risarcimento – a quelli che vi hanno riempito di bufale. Dubito vi aiuteranno, ma potete provare». Dopo la sua morte c’è chi ha definito Strada un «criminale comunista» e chi gli ha attribuito l‘intenzione di «africanizzare l’Italia». L’avvocato avrà molto lavoro.


Leggi anche: