Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Rave nel Torinese, oltre 6 mila persone. Fdi all’attacco di Lamorgese: «Ministro più techno che tecnico»

«Non ammetteremo di vedere ulteriormente Torino e l’Italia umiliate dal tour degli sballi», scrive in una nota Augusta Montaruli, deputata di Fdi

Almeno 6.500 persone hanno partecipato al rave organizzato in un capannone abbandonato nell’area industriale tra Borgaretto e Nichelino, nel Torinese. Una folla che ha risposto all’invito circolato sui social e su Telegram, causando con decine di camper e furgoni non pochi disagi alla circolazione nella zona. Poco dopo l’una di notte sono intervenute le forze dell’ordine che hanno bloccato l’area tra Stupinigi, Beinasco e la tangenziale di Torino, impedendo l’ulteriore afflusso di persone al rave. Al contempo, polizia e carabinieri hanno portato avanti le operazioni di identificazione dei partecipanti al rave, mentre la Croce rossa è intervenuta per facilitare le operazioni di deflusso dei mezzi. Dopo un sopralluogo nella zona industriale, il sindaco di Nichelino, Giampiero Tolardo, ha riferito in mattinata che «la situazione è complessa, ma è ben gestita e sotto controllo». E ha aggiunto: «Purtroppo queste iniziative sono imprevedibili. Questa notte ci state delle difficoltà, molte persone sono arrivate anche dall’estero oltre che da altre aree del Nord Italia, ma ora la viabilità è tornata regolare».


FdI: «Lamorgese riferisca in Parlamento, anche se si sarebbe dovuta dimettere già da tempo»

La deputata torinese di Fratelli d’Italia, Augusta Montaruli, chiama in causa la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, chiedendo un suo intervento in Aula sull’accaduto. «Un altro rave party che crea disagio alla cittadinanza con assembramenti, disturbo alla quiete pubblica e uso spavaldo di droga. Il ministro Lamorgese, più techno che tecnico, dovrà venire a riferire in Parlamento perché non ammetteremo di vedere ulteriormente Torino e l’Italia umiliate dal tour degli sballi e con un’interrogazione chiediamo l’intervento immediato di un ministro che avrebbe già dovuto dimettersi da tempo».


Foto in copertina: ANSA

Continua a leggere su Open

Leggi anche: