Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Olimpiadi invernali, la Cina risponde ai boicottaggi diplomatici: «Australia, Usa e Regno unito pagheranno per questo sbaglio»

Mentre cresce il fronte dei Paesi che non manderanno ministri e funzionari all’evento, la Francia si smarca: «Non boicotteremo i Giochi»

Le Olimpiadi invernali di Pechino diventano sempre di più un caso diplomatico. Dopo l’annuncio nei giorni scorsi di Australia, Gran Bretagna, Stati Uniti e Canada di non voler mandare le proprie delegazioni di ministri e funzionari ai Giochi, la Cina ha risposto a tono. «Hanno utilizzato la piattaforma delle Olimpiadi per la manipolazione politica», ha dichiarato oggi, 9 dicembre, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin. «E, per questo sbaglio, dovranno pagare un prezzo». I quattro Paesi hanno motivato la loro scelta dicendosi preoccupati per la situazione dei diritti umani nel Paese asiatico (ma anche, come l’Australia, per i disaccordi commerciali). La reazione della Cina è arrivata nei giorni in cui l’Unione europea sta valutando la sua posizione sul tema. Ma in Europa c’è chi si è già smarcato: il ministro francese dell’Istruzione e dello Sport, Jean-Michel Blanquer, ha dichiarato in un’intervista radiofonica che Parigi non seguirà l’esempio degli altri Paesi e manderà la propria delegazione all’evento.


Immagine di copertina: EPA/ROMAN PILIPEY


Continua a leggere su Open

Leggi anche: