Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Tutti i bonus in scadenza il 31 dicembre 2021: ecco come usarli

Dal bonus rubinetti al bonus facciate, dall’incentivo per acquisti di mobili ed elettrodomestici al bonus vacanze (flop). Per il bonus terme, invece, c’è ancora qualche giorno di tempo

I bonus stanno per scadere, almeno per quest’anno: c’è tempo fino a domani, 31 dicembre 2021, per approfittarne. Altroconsumo fa il punto della situazione. Si parte dal bonus rubinetti: i lavori andranno eseguiti entro domani mentre da gennaio 2022 sarà possibile inserire la propria richiesta sulla piattaforma così da ottenere l’incentivo. Entro il 31 dicembre si può beneficiare anche del bonus facciate, dunque di interventi di recupero o di restauro della facciata esterna degli edifici che consentono di ottenere una detrazione sulle spese sostenute che è pari al 90 per cento. Da gennaio 2022 il bonus facciate resta ma cala al 60 per cento. Per spendere il bonus mobili ed elettrodomestici, e dunque per avere la detrazione del 50 per cento della spesa sostenuta entro un importo massimo di 16 mila euro nell’ambito di una ristrutturazione edilizia, c’è tempo fino a domani. Il bonus mobili, in realtà, è stato prorogato anche per i prossimi anni ma in maniera decisamente meno vantaggiosa: la spesa massima consentita è calata a 10 mila euro per il 2022 e a 5 mila per il 2023 e 2024.


Bonus terme e bonus vacanze

Per il tempo libero possono essere spesi (ancora per poco) i bonus terme e vacanze. Il bonus terme è andato a ruba nel momento in cui è stato lanciato: i fondi sono stati esauriti in poche ore, neanche il bonus monopattino aveva ottenuto questo successo. Ad ottenere il bonus terme sono state 265 mila persone. Dovranno spenderlo entro 60 giorni dalla data di emissione: quindi entro il 9 gennaio. Tassativamente entro il 31 dicembre, invece, andrà speso il bonus vacanze che non ha riscontrato chissà quale apprezzamento, nonostante sia stato più volte prorogato e persino esteso ad altri servizi. Il bonus vacanze, infatti, – come scrive stamattina Il Messaggero – lascia in eredità un tesoretto di circa 300 milioni di euro che, adesso, il comparto vorrebbe riservare alle aziende in crisi. In 600 mila nuclei, che avevano chiesto e ottenuto il bonus, alla fine non l’hanno usato vuoi per le restrizioni anti-Covid vuoi per il suo utilizzo non proprio semplicissimo. Infine, sempre entro domani, si può spendere il bonus per l’acquisto di auto usate, che vale appunto solo per gli acquisti eseguiti entro la fine di quest’anno. Scordatevi, invece, il ritorno del cashback.


Foto in copertina di repertorio

Continua a leggere su Open

Leggi anche: