Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Djokovic, addio Australia: il tennista in volo verso Dubai. Il presidente serbo: «Trattato come un assassino seriale» – Il video

Si chiude una vicenda che l’Atp ha definito la fine «di una serie di eventi profondamente deplorevoli» e «una sconfitta per il tennis»

La telenovela su Novak Djokovic è finita così com’è cominciata: dall’aeroporto di Melbourne è partito il volo diretto a Dubai con a bordo il tennista, espulso dall’Australia dopo che la Corte federale ha respinto il suo ricorso sull’annullamento del visto da parte del governo australiano. Una vicenda che ha infiammato i rapporti tra Serbia e Australia, con il presidente Aleksandar Vucic che da Belgrado ha attaccato a più riprese la decisione degli australiani, colpevoli di aver maltrattato il tennista perché serbo: «Lo hanno trattato come un assassino seriale. È arrivato in Australia con un permesso medico, e lo hanno maltrattato per dieci giorni. Perché lo hanno fatto? Non è stata nei suoi confronti una caccia alle streghe? Ciò è qualcosa che nessuno può capire».


Il tennista si è visto cancellare il visto perché non in regola con i requisiti anti Covid richiesti dal governo australiano. Dopo la sconfitta in tribunale di oggi 16 gennaio, il serbo ha dovuto rinunciare agli Australian Open, in programma da domani. Ma il rischio ora è che il numero uno del tennis mondiale debba rinunciare alle prossime tre edizioni del torneo, se il governo confermerà il bando dal territorio australiano per i prossimi tre anni. Amaro il commento in una nota dell’Atp, l’associazione dei giocatori professionisti del tennis maschile che sull’espulsione e quindi l’assenza di Djokovic per gli Australian Open non solo: «mette fine a una serie di eventi profondamente deplorevoli», ma sancisce: «una sconfitta per il tennis».


La famiglia: «Siamo fortemente delusi»

I familiari di Novak Djokovic si sono detti «fortemente delusi» dall’epilogo della vicenda, poiché «credevano che lo sport avrebbe comunque vinto». In un comunicato diffuso dai media a Belgrado, hanno commentato che a prevalere è stata la politica: «Credevamo che sarebbe stata accettata la circostanza confermata dal giudice – e cioè che Novak ha un visto valido. Quello che tutti dobbiamo fare – hanno aggiunto – è mostrargli l’appoggio più forte di sempre. Dobbiamo aiutarlo a riconquistare energie, fiducia in questo sport, e nel fair play che in questo caso è mancato completamente». Siamo orgogliosi di lui e della forza che ha messo in mostra e della lotta che ha condotto con dignità.

Leggi anche: