Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questa bambina di 9 anni non è stata arrestata in un museo perché era senza pass vaccinale

La bambina faceva parte di un gruppo di manifestanti che si era introdotta nel museo e si rifiutava di uscire dopo l’orario di chiusura

Circola un video che mostrerebbe una bambina di 9 anni arrestata dalla Polizia di New York perché entrata all’interno di un museo priva della certificazione di vaccinazione anti Covid-19 (in alcuni post Facebook fanno riferimento a un generico “Green pass”). Trattata come una criminale perché non vaccinata? Non è andata così, ma nonostante tutto le immagini vengono utilizzate a sostegno delle posizioni No Green pass.

Per chi ha fretta

  • Il fatto è avvenuto a New York poco dopo la chiusura del museo.
  • La bambina non è stata arrestata, ma solo accompagnata all’esterno del museo.
  • La bambina faceva parte di un gruppo di manifestanti che erano entrati nella struttura e che si erano rifiutati di uscire nonostante fosse sopraggiunto l’orario di chiusura.
  • La Polizia è stata chiamata dopo l’orario di chiusura del museo.

Analisi

Il video era stato pubblicato il 20 gennaio 2022 via Twitter, come possiamo vedere dalla pubblicazione dell’account di Yael Becker (@yael_becker): «NYPD arrested a 9 year old child in NYC because she didn’t have a vax card in a museum. We are destroying lives. This has to stop!».

Il 22 gennaio 2022 viene condiviso via Facebook con la seguente descrizione: «ARRESTATA A NEW YORK PERICOLOSA TERRORISTA DI 9 ANNI. “La polizia di New York ha arrestato una bambina di 9 anni a New York perché non aveva il Green Pass per il museo.”».

Il video è stato pubblicato domenica 23 gennaio dalla pagina Facebook “Norimberga Italiana: la LiberAzione Nazionale TecnicoPopolare“: «Questa si che va pubblicata entra una bambina al Museo senza green pass e l’arrestano 9 anni ti rendi conto?».

Alcuni siti italiani, come Greenpass.news e Renovatio21.com, hanno riportato la narrativa diffusa sui social.

Un gruppo di contestatori

Come riportano i colleghi di APNews, la vicenda riguarda l’intrusione e lo sgombero di alcuni contestatori rimasti all’interno del museo oltre l’orario di apertura. Il fatto sarebbe avvenuto mercoledì 19 gennaio 2022.

Alcune delle condivisioni via Facebook del video. C’è chi parla di “certificato verde” e chi di “Green pass”.

APNews riporta la dichiarazione di Al Baker, il portavoce del New York City Police Department (NYPD), il quale afferma innanzitutto che la bambina non era stata accusata di reato, ma accompagnata al di fuori della struttura.

Come raccontato dal responsabile del museo, Anne Canty, un gruppo di manifestanti erano entrati all’interno della struttura senza presentare il certificato di vaccinazione come richiesto dalle normative newyorkesi. Durante l’orario di chiusura, intorno alle 17:30, si sono rifiutati di uscire preferendo rimanere all’interno. Ecco perché è stata chiamata la Polizia e perché sono stati scortati al di fuori del museo.

Come riporta APNews, sei manifestanti sono stati scortati in una stazione di Polizia, per poi essere successivamente rilasciati intorno alle 21:00. Tra queste sei persone, accusate di reato, c’era la madre della bambina. La minorenne non è stata arrestata, ma accompagnata nella stazione di Polizia in attesa che la madre fosse rilasciata. Secondo quanto racconta UsaToday, la giovane ha atteso la madre in una stanza, insieme a due ufficiali donne che le hanno offerto da bere e da mangiare, dalle 18:15 alle 21 circa.

Conclusioni

Contrariamente a quanto riportato sui social e alcuni siti internet, la bambina di 9 anni non è stata arrestata perché priva del certificato di vaccinazione richiesto a New York, ma soprattutto non è stata arrestata affatto. L’intervento della Polizia serviva per far uscire dal museo lei e altri manifestanti che avevano occupato la struttura oltre l’orario di chiusura.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: