Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ucraina, la Russia annuncia la fine delle esercitazioni e il ritiro dell’esercito – Il video

Il ministero della Difesa russo ha pubblicato un video che mostra una colonna di carri armati e veicoli militari che lasciano la Crimea

La Russia ha annunciato la fine delle esercitazioni nella Crimea al confine con l’Ucraina e il ritorno dei soldati alle loro guarnigioni. L’annuncio arriva dopo il primo ritiro effettuato ieri alla vigilia delle visite di negoziazione dei leader europei a Mosca. La Reuters aggiunge che il ministero della Difesa russo ha pubblicato un video che mostra una colonna di carri armati e veicoli militari che lasciano la Crimea annessa attraverso un ponte ferroviario dopo le esercitazioni. Anche il ministro degli Esteri della Bielorussia Vladimir Makei ha confermato che dopo la fine delle esercitazioni i russi lasceranno il paese.


Secondo Ria Novosti sono stati caricati veicoli blindati e corazzati cingolati, ovvero carri armati, veicoli da combattimento di fanteria e supporti di artiglieria semoventi, sulle piattaforme ferroviarie nelle stazioni di carico. Tutte le truppe con il relativo equipaggiamento faranno ritorno nei punti di dispiegamento permanente delle unità militari. «Posso assicurare che non ci sarà alcun attacco questo mercoledì e che non ci sarà nemmeno una escalation nella prossima settimana, né nella settimana successiva, né nel prossimo mese», ha detto l’inviato russo all’Ue Vladimir Chizhov al quotidiano tedesco Die Welt. «Le guerre in Europa raramente iniziano di mercoledì», ha aggiunto ironicamente Chizhov respingendo l’ipotesi dell’invasione avanzata dagli Usa tra il 16 e il 17 febbraio. Le manovre in Bielorussia dovrebbero concludersi il prossimo 20 febbraio.


Intanto il Regno Unito fa sapere di non aver visto prove del ritiro di parte delle truppe russe nonostante gli annunci del Cremlino. «Fin quando non vedremo un’adeguata de-escalation dovremmo essere tutti cauti sulla direzione di marcia dal Cremlino», ha detto il ministro britannico della Difesa, Ben Wallace, in alcune dichiarazioni da Bruxelles a Sky News.

Leggi anche: