Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Coronavirus, 249 morti e 46.169 casi. Cala ancora il tasso di positività al 9,5%

Scendono i nuovi ingressi in terapia intensiva: 56 nelle ultime 24 ore contro gli 81 di ieri. Sono 12.125 i positivi ricoverati nei reparti ordinari (ieri 12.527)

Il bollettino del 24 febbraio 2022

Sono 249 i decessi legati al Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore. A riportare il dato è il bollettino nazionale del Ministero della Salute e della Protezione Civile. Il numero dei decessi appare in leggero calo rispetto a quello registrato nel monitoraggio di ieri, quando le vittime erano state 252. Il totale di morti a causa del virus da inizio emergenza arriva così a quota 154.013. Sul fronte dei contagi oggi, 24 febbraio, si segnalano 46.169 nuovi positivi. Anche questo un dato in calo rispetto ai 49.040 nuovi positivi di ieri. Il numero degli attualmente positivi al virus sale a 1.199.228 (ieri 1.221.423).


La situazione negli ospedali

Per quanto riguarda la pressione ospedaliera, oggi 24 febbraio, il bollettino nazionale sui dati Covid segnala 56 nuovi ingressi in terapia intensiva. Un dato in calo rispetto a ieri quando i nuovi ricoverati in rianimazione erano stati 81. Il totale di ospedalizzati nei reparti di area critica oggi è pari a 839 (ieri 886). Anche in area medica il numero di positivi che occupano un posto letto è in diminuzione: oggi 12.125 contro i 12.527 della giornata di ieri. Il totale di dimessi e guariti è pari a 11.298.010 (ieri 11.228.571).


Tamponi e tasso di positività

Il numero di nuovi positivi registrato dal bollettino di oggi arriva alla luce di un’attività di tracciamento in calo. Sono 484.530 i nuovi tamponi elaborati nelle ultime 24 ore contro i 479.447 test antigenici e molecolari effettuati ieri. Il tasso di positività appare ancora in calo: dal 9,9% di ieri al 9,5% di oggi.

Ieri e Oggi

Indice di gravità

Ultimi 10 giorni

I positivi al Covid-19 Regione per Regione

Ecco i dati sulle persone attualmente positive al Coronavirus regione per regione:

Grafiche a cura di Vincenzo Monaco

Leggi anche: